Generazione Ilva

Gli ulivi, le industrie, il boom, il declino, l'inquinamento. La tragica parabola di una terra illusa dall'acciaio, tradita dallo Stato

 
Generazione Ilva  Tonio Attino   Besa Editrice
  • 15,00
  • Disponibile in 3 giorni lavorativi. Affrettati! Solo 1 disponibile



torna suDescrizione

C’erano i pescatori, i contadini, i pastori. Poi arrivò l’industria. Sradicò masserie e migliaia di ulivi sostituendoli con duecento ciminiere e con l’acciaieria più grande d’Europa. Negli anni Sessanta una città povera del Sud italiano divenne la più ricca di tutte grazie alla fabbrica dello Stato: l’Italsider. Richiamò americani e giapponesi, accolse trentamila lavoratori.

Fu una rivoluzione. Cinquantadue anni dopo, Emilio Riva, l’imprenditore cui lo Stato ha consegnato la fabbrica nel 1995, è accusato dalla magistratura di disastro ambientale. Lo stabilimento in cui si produce un terzo dell’acciaio italiano è finito sotto sequestro e l’Ilva – la vecchia Italsider – non è più un sogno: uccide.

Taranto è ripiombata nella disperazione, come se una macchina del tempo l’avesse riportata indietro di mezzo secolo. Ecco la storia di uno scandalo, di un fallimento, di una generazione illusa dall’età dell’acciaio.

E di un Sud occupato e sfruttato in cui centinaia di migliaia di persone hanno osservato senza muovere un dito uno stravolgimento gigantesco. Eppure era tutto bellissimo. «Sembra di stare ai tropici» sussurrò Walter Tobagi quando, per un istante, volse la schiena alle ciminiere e guardò il mare.


Generazione Ilva  Tonio Attino   Besa Editrice
 
Generazione Ilva
Gli ulivi, le industrie, il boom, il declino, l'inquinamento. La tragica parabola di una terra illusa dall'acciaio, tradita dallo Stato

Tonio Attino






CATEGORIE LIBRI