La relazione medico-paziente

Manuale di ComunicAzione per i Professionisti della Salute

 
-5%
La relazione medico-paziente  Emanuela Mazza   Edizioni Enea
  • 25,18 invece di € 26,50 Sconto del 5%
  • Affrettati! Solo 1 disponibile in pronta consegna



torna suDescrizione

I medici si trovano ad affrontare sfide sempre più difficili, pazienti sempre più esigenti e sempre più materiale da studiare per rimanere al passo con i tempi. A tutto questo si aggiunge la necessità di essere dei buoni comunicatori.

Emanuela Mazza, trainer di Programmazione Neuro-Linguistica ed ex paziente, si rivolge a medici, infermieri e a tutti i professionisti della salute, ricordando che la comunicazione medico-paziente non è un contorno facoltativo delle professioni sanitarie, ma piuttosto un ingrediente centrale del percorso terapeutico.

Gli obiettivi principali di questo libro sono renderti più consapevole delle tue risorse, darti strumenti concreti per favorire una comunicazione efficace, imparare a costruire un solido rapporto di fiducia e collaborazione con il paziente, per guidarlo verso il vostro scopo comune: la salute.

Imparerai a individuare le strategie comunicative più appropriate alle diverse situazioni, a sperimentare tecniche comunicative differenziate a seconda delle caratteristiche dei pazienti, e a comunicare più efficacemente all’interno del tuo gruppo di lavoro.

Troverai strumenti di PNL, tecniche e studi sviluppati nelle migliori università del mondo, esercizi, esperienze raccontate da pazienti e medici, storie utili a comprendere alcune connessioni tra i comportamenti delle persone, la comunicazione e il funzionamento del nostro cervello.

 

INDICE DEL LIBRO
Prefazione del Prof. Antonio Gasbarrini
Prefazione di Claudio Belotti
Introduzione
Anteprima
Perché questo libro
A chi è rivolto questo libro
Obiettivi
Attenzione alle tre parole pericolose!
1. La comunicazione in medicina: competenza fondamentale oppure no?
Perché è importante la comunicazione medico-paziente?
Cosa succede in Italia e nel resto del mondo
Un po' di storia: dal potere di ruolo al potere di relazione
Le tre dimensioni della malattia
2. Capire e farsi capire
Cosa vuol dire per te comunicare?
La comunicazione come relazione
I tre ingredienti-base per una comunicazione efficace
Comportamento = Comunicazione
Gli elementi fondamentali della comunicazione
Le tre abilità dei comunicatori di successo
Come comunichiamo: linguaggio verbale, non verbale e paraverbale
Il potere di alcune parole
3. La percezione soggettiva della realtà
Cos'è la PNL
I presupposti della PNL
I cinque sensi
Sette (più o meno due) informazioni alla volta
4. Come costruire la relazione con il paziente più velocemente
Rapport
Ricalco
Calibrazione
Guida
Ascoltare per comunicare
L'arte di fare domande: il metamodello
Comunicare al livello inconscio: il Milton Model
5. Come definire obiettivi con il paziente più efficacemente
6. Convinzioni ed emozioni: che ruolo hanno?
La gestione dello stato
7. Comunicare cattive notizie
8. Un modello di intervista medica:
Calgary-Cambridge Process Skill Guide
Conclusioni
Ringraziamenti
Bibliografia


La relazione medico-paziente  Emanuela Mazza   Edizioni Enea
 
La relazione medico-paziente
Manuale di ComunicAzione per i Professionisti della Salute

Emanuela Mazza



torna suPerchè questo libro, a chi è rivolto, obiettivi

Perché questo libro
In parte ho già spiegato nell'introduzione lo scopo di questo libro. Aggiungerò poche cose.
Gandhi diceva di contribuire a costruire un mondo a cui le persone vogliano appartenere. Ecco! Questo libro nasce con l'intenzione di offrire un'opportunità, degli strumenti, delle tecniche che puoi imparare, con le quali puoi allenarti per migliorare la tua comunicazione con i pazienti e/o con i loro familiari, per renderla più efficace e poter essere più efficace tu nel guidarli verso un obiettivo comune: il loro stare meglio. Sì, proprio tu. Se vuoi puoi farlo!

A chi è rivolto questo libro
Il libro è rivolto a medici, infermieri, fisioterapisti, odontoiatri, professionisti della salute e a tutte le persone che, per professione o per altre ragioni, si trovano a contatto con i pazienti e con i loro familiari. A te, che hai il desiderio di aggiungere qualcosa al tuo bagaglio, alla tua crescita personale e professionale per stare meglio e per far stare meglio gli altri.
Troverai strumenti di Programmazione Neuro-Linguistica, studi e metodologie utilizzate nelle migliori università del mondo, esercizi, esperienze raccontate da pazienti e medici, casi che possano spiegare meglio alcune connessioni tra i comportamenti delle persone, la comunicazione e il funzionamento del nostro cervello.

Obiettivi
Con questo libro il mio obiettivo principale è renderti più consapevole delle tue risorse, darti strumenti per favorire una comunicazione efficace con te stesso e con gli altri in generale e, in particolare, con i tuoi pazienti, per guidarli verso il vostro obiettivo comune: la salute.
Desidero fornirti strumenti che possano portarti a:
• aumentare la tua precisione, la tua efficienza e la tua capacità di sostegno;
• migliorare la soddisfazione tua e dei tuoi pazienti;
• migliorare i risultati di salute dei tuoi pazienti;
• migliorare la relazione/alleanza terapeutica che instauri con i tuoi pazienti.

Leggendo questo libro imparerai a:
• individuare le strategie comunicative più appropriate alle diverse situazioni;
• approfondire e sperimentare modalità e tecniche comunicative differenziate in rapporto alle caratteristiche dei pazienti e/o familiari;
• comunicare più efficacemente all'interno del tuo gruppo di lavoro.

Attenzione alle tre parole pericolose!
Voglio subito metterti in guardia su una cosa prima di tutto: ci sono tre paroline, semplici eppure potenzialmente molto pericolose per te, che potresti dire o anche semplicemente pensare. Sai quali sono?
Già lo so!
Quando ho iniziato a frequentare corsi di formazione molti dei maestri che ho incontrato, magari in modi diversi, sostanzialmente partivano da un concetto analogo. “Già lo so!”, ero tentata di pensare.
Sai perché queste tre parole sono tanto pericolose? Perché ti potrebbero impedire di leggere questo libro con una mente aperta; potrebbero indurti a filtrare e giudicare quello che leggi prima di averlo sperimentato e prima di renderti conto di quanto può esserti utile per rendere la tua comunicazione più efficace.
Quindi, anche se potresti incontrare temi o strumenti che hai già letto o sentito altrove, anche se in alcuni casi potrebbe sembrarti di conoscere già alcune cose, fai come se fosse la prima volta che ne senti parlare. In seguito avrai tutto il tempo per filtrare!


La relazione medico-paziente  Emanuela Mazza   Edizioni Enea
 
La relazione medico-paziente
Manuale di ComunicAzione per i Professionisti della Salute

Emanuela Mazza



torna suPrefazione di Claudio Belotti

Sin da piccolo mi sono chiesto perché le persone fanno quello che fanno, e soprattutto qual è il modo in cui lo fanno. Per questa ragione mi sono avvicinato a diverse metodiche e teorie che cercano di spiegare il comportamento umano e le sue dinamiche. Ne ho trovate molte di interessanti nei paesi anglosassoni, dove a mio avviso, il risultato ha più importanza del processo.

Nel frattempo per le esigenze di salute di mio padre e poi per questioni di lavoro ho conosciuto molti medici. Ho sempre trovato persone appassionate, che avevano iniziato grazie alla voglia intima di voler fare del bene. Li ho sempre ammirati per la loro professionalità, passione e preparazione. Fare il medico è sempre più difficile, e di fatto non è mai stato facile.

Il margine di errore, secondo i pazienti, dovrebbe essere nullo, mentre se fai tutto giusto hai fatto solo il tuo lavoro. Se crei empatia rischi di distruggerti emotivamente, se tratti i pazienti con distacco, non puoi essere un buon medico. È una professione difficile.

Ti insegnano a creare distanza dai problemi per essere oggettivo e professionale, ma la natura umana ti porterebbe a creare una relazione più emotivamente coinvolgente. Una cara amica oncologa passa i suoi giorni in ospedale con persone che lottano per vincere il cancro. Ovviamente non tutti riescono. Questo le porta dolore, un dolore che non può portarsi troppo dentro o a casa dove la sua famiglia (con tre figli piccoli) la aspetta efficiente e sorridente.

Nella mia esperienza con un padre che sembrava dover morire e poi non moriva, ho visto degli “angeli caduti dal cielo” in camice bianco fare miracoli. Non solo in ambito medico quanto umano. Per alcuni, io e la mia famiglia di origine, abbiamo un enorme riconoscenza e rispetto.

Li ricordo con tanta emozione. Ricordo le belle parole, i sorrisi, la complicità sana e persino il loro affetto. Penso, e mio padre lo diceva spesso, che i miracoli che ho visto fare, siano stati possibili sia per la preparazione dei medici sia, e soprattutto, per la relazione che questi grandi professionisti sono riusciti a creare con il paziente, mio padre, e tutta la sua famiglia.

Mi rendo conto che essere un medico oggi più che mai richieda doti straordinarie. A queste doti, ora si chiede di aggiungere anche quelle comunicative. Sembra chiedere troppo.

Nello stesso tempo la logica ci dice che è impossibile slegare le due cose, medicina e relazione devono andare a braccetto. A differenza di un meccanico che aggiusta automobili i medici curano essere umani. Già nella notte dei tempi, questo aspetto è stato considerato fondamentale.

Da “esperti” di comunicazione, che non hanno mai fatto i medici, non possiamo valutare l'operato di chi ha a che fare con i pazienti tutti i giorni. Possiamo solo aiutarli offrendo le nostre competenze nella speranza di poter essere utili in un lavoro così difficile e così importante.

Nelle prossime pagine troverete strumenti preziosi, testati sul campo e presentati egregiamente da chi conosce la materia benissimo. Emanuela Mazza non è solo preparata, ha anche vissuto sulla sua pelle, e vive tutt'oggi, l'importanza del fattore umano in medicina.

Sappiamo tutti che una buona comunicazione medico-paziente sia necessaria. Sappiamo anche che i medici hanno sfide sempre più difficili, pazienti sempre più esigenti e sempre più materiale da studiare per rimanere al passo con i tempi. A tutto questo si aggiunge l'esigenza di essere dei buoni comunicatori.

Ecco perché questo è un ottimo libro. È un testo pratico e semplice ma profondo e completo. Tutti i medici che hanno messo in pratica gli strumenti qui presentati, e sono tantissimi, hanno avuto risultati straordinari.

Vi auguro e vi invito a trovare il tempo e la voglia di leggere queste pagine e soprattutto di metterle in pratica. Non solo diventerete medici ancora più bravi nei risultati professionali ma anche nelle soddisfazioni personali e umane.

Claudio Belotti
NLP Master Trainer


La relazione medico-paziente  Emanuela Mazza   Edizioni Enea
 
La relazione medico-paziente
Manuale di ComunicAzione per i Professionisti della Salute

Emanuela Mazza



torna suPrefazione di Antonio Gasbarrini

Il rapporto medico-paziente è quella particolarissima relazione che si instaura tra un professionista sanitario e un paziente a partire da uno stato di malattia di quest'ultimo. Tale asimmetria lo rende rischioso per il paziente, la parte più vulnerabile, il quale è dipendente da competenza e decisioni del medico.

Per secoli tale rapporto si è basato su un'etica medica paternalistica, cioè basata sulla concezione che il medico potesse decidere in favore e per conto del paziente indipendentemente dalle sue preferenze. Col crescere delle conoscenze scientifiche si è poi passati a una concezione in cui il paziente potesse esprimere la propria volontà nel rispetto di un'autonomia decisionale. In tale contesto il paternalismo medico si è mostrato un modello etico di comportamento non più adeguato, che andava a ledere il diritto all'autodeterminazione. Con tale visione il rapporto medico-paziente è andato via via a svilupparsi in un rapporto simmetrico che ha raggiunto il suo culmine con il dovere del medico di informare il paziente e di ottenere il suo consenso.

Rischio di tale moderno approccio però è stato quello di perdere il rapporto umano medico-paziente a favore di un'applicazione assolutamente meccanicistica di protocolli, linee guida, piani diagnostico-terapeutici. Approcci, che da un lato hanno forse garantito l'applicazione generalista della cosiddetta buona pratica clinica, dall'altro hanno spesso portato a non considerare più il paziente in quanto individuo ma in quanto organo malato, passando cioè da un rapporto medico-paziente a un rischioso rapporto medico-malattia.

Il libro di Emanuela ha proprio lo scopo di aiutare il lettore, medico o professionista sanitario che sia, ad affrontare in modo scientifico, corretto, sensibile, questo rapporto. Lo guida a comprendere quanto il linguaggio, sia verbale che non verbale (gesti, posizioni, mimica), sia importante per comunicare e soprattutto per entrare in empatia con la persona che abbiamo di fronte. Ci mostra, in particolare, quanto la scelta delle parole abbia un significato ben preciso e quanto sia importante l'ascolto della persona che abbiamo di fronte. Analizza in modo preciso e dettagliato l'arte della buona comunicazione mostrandoci come costruire una relazione, come definire e condividere gli obiettivi di una cura o come comunicare una cattiva notizia.

Avendo avuto la fortuna di essere cresciuto in una Scuola di medici umanisti che ritenevano che non vi potesse essere buona medicina in assenza di un rapporto con la Persona più che col Paziente in quanto tale, molto mi sono ritrovato negli scritti di Emanuela. Secondo l'umanismo, infatti, il compito cardine del medico è quello di combinare la formulazione di una diagnosi con l'applicazione di logica e fatti osservabili (sostenendo scetticismo e metodo scientifico) al capire l'uomo nel suo essere più autentico, nel credere cioè in una medicina “per l'Uomo”.

Il mio rapporto medico con Emanuela è stato un buon esempio della complessità di questa relazione. Quando l'ho conosciuta il problema non era tanto aiutarla come paziente ma aiutarla a rimanere attrice nel contesto della bella vita che si era creata. E su tutto, di quel difficile periodo, ricordo i suoi bimbi che si aggiravano impauriti nella stanza. Sono convinto che Emanuela voleva che io pensassi specie a loro nel delicato momento in cui si era affidata a me, che io curassi non solo la paziente, ma che mi occupassi della persona, della mamma di quei bimbi.

Sono certo che questo è stato uno dei driver che l'hanno poi spinta a occuparsi con così tanto entusiasmo e successo della comunicazione medico-paziente, quella complessa relazione in cui analisi del problema, empatia, conoscenza del contesto familiare, sentimentale e professionale, consapevolezza delle scelte, accompagnamento, si fondono tra loro realizzando un rapporto sacro. Una relazione che per essere efficace dovrebbe andare ben oltre il tempo della visita o di una prescrizione, e che diventa inevitabilmente un legame tra Uomini, poiché non vi può essere nessun Medico senza il suo Paziente e nessun Paziente senza il suo Medico.

Prof. Antonio Gasbarrini
Direttore U.O.C. di Medicina Interna,
Gastroenterologia e Malattie del Fegato del Policlinico Gemelli
Professore Ordinario Malattie Apparato Digerente, Università Cattolica del Sacro Cuore


La relazione medico-paziente  Emanuela Mazza   Edizioni Enea
 
La relazione medico-paziente
Manuale di ComunicAzione per i Professionisti della Salute

Emanuela Mazza






CATEGORIE LIBRI