Materia medica e repertorio essenziale dei medicamenti omeopatici

 
  • 85,00 invece di € 100,00 Sconto del 15%
  • Disponibilità Immediata. Pronto per la spedizione



torna suDescrizione

La bravura e la meticolosità con cui il Dr Phatak lavorava sono noti a tutti gli omeopati che hanno più di qualche lustro di esperienza e quindi questa sua Materia Medica e questo Repertorio, che abbiamo uniti insieme per comodità di consultazione e che sono considerati il vero capolavoro di questo Autore, non hanno bisogno di essere presentati, anche perché molti omeopati contemporanei, come Sankaran, li citano continuamente nei loro libri.

Nel compilare questa Materia Medica, Phatak ha preso tutti i sintomi riportati da Boger, semplificando e chiarificando però molte delle loro espressioni ambigue, e li ha poi arricchiti con numerosi altri sintomi utili che ha preso da altre Materie Mediche.

Inoltre, in questa sua opera, Phatak sviluppa e fa risaltare in modo particolare la parte riguardante i Sintomi Mentali, che nel passato erano un po' trascurati ma che oggi stanno diventando sempre più importanti nel nostro quotidiano lavoro ambulatoriale.

La vera originalità di questo testo, comunque, è che con esso Phatak è riuscito a donarci una Materia Medica completa e concisa insieme, che comprende tutti i sintomi rilevanti che appartengono ad ogni rimedio. Infine, partendo da questa Materia Medica, ha poi compilato un Repertorio altrettanto sintetico che, dopo che ne avremo preso una certa dimestichezza, si svelerà estremamente utile e prezioso al letto del Malato.

É proprio per questa essenzialità, che alla fine si traduce in utile praticità, che Phatak è diventato famoso e l’auspicio è che ne possano godere i frutti anche gli Omeopati italiani.


Materia medica e repertorio essenziale dei medicamenti omeopatici  Shankar Phatak   Salus Infirmorum
 
Materia medica e repertorio essenziale dei medicamenti omeopatici

Shankar Phatak



torna suIndice Generale

NOTA DELL’EDITORE ITALIANO
RINGRAZIAMENTO
PRESENTAZIONE DEL TRADUTTORE

Motivazioni che mi hanno portato a mantenere valida la traduzione della prima edizione pur essendo disponibile la seconda
Alcune note
PREFAZIONE DELL’AUTORE
Perché questo libro?
Ringraziamenti
CONSIGLI PER CHI INIZIA LA LETTURA
I sintomi
Alcuni simboli
Per concludere
NOTA DELL’EDITORE INDIANO ALLA PRIMA EDIZIONE
INDICE DEI RIMEDI UTILI IN CHIURGIA


MATERIA MEDICA
Abies canadensis
Abies nigra
Abrotanum
Absinthium
Aceticum acidum
Aconitum napellus
Actea racemosa
Actea spicata
Adonis vernalis
Aesculus hippocastanum
Aethusa cynapium
Agaricus muscarius
Agnus castus
Agraphis nutans
Ailanthus glandulosa
Aletris farinosa
Alfalfa
Allium cepa (Cipolla rossa)
Allium sativum (Aglio)
Aloe socotrina
Alumen (Allume)
Alumina
Alumina silicata
Ambra grisea
Ambrosia
Ammonium bromatum
Ammonium carbonicum
Ammonium muriaticum
Amylenum nitrosum
Anacardium orientale
Anthracinum
Antimonium crudum
Antimonium tartaricum
Apis mellifica
Apocynum cannabinum
Aralia racemosa
Aranea diadema
Argentum metallicum
Argentum nitricum
Arnica montana
Arsenicum album
Arsenicum iodatum
Arsenicum sulphuratum flavum
Artemisia vulgaris
Arum triphyllum
Asafoetida
Asarum europoeum
Asclepias tuberosa
Astacus fluviatilis (Cancer fluviatilis)
Asterias rubens (Stella marina rossa)
Aurum metallicum
Aurum muriaticum
Avena sativa (Avena comune)
Bacillinum
Badiaga
Baptisia tinctoria
Baryta carbonica
Baryta iodata
Baryta muriatica
Belladonna
Bellis perennis
Benzolum
Benzolum nitricum
Benzoicum acidum
Berberis aquifolium
Berberis vulgaris
Bismuthum
Borax veneta
Boricum acidum
Bothrops lanciolatus
Bovista lycoperdon
Bromium
Bryonia alba
Bufo rana
Bursa pastoris
Cactus grandiflorus
Cadmium sulphuratum
Caladium seguinum
Calcarea arsenicosa
Calcarea carbonica
Calcarea fluorica
Calcarea hypophosphorosa
Calcarea iodata
Calcarea phosphorica
Calcarea sulphurica
Calendula officinalis
Camphora
Cancer fluviatilis
Cannabis indica e sativa
Cantharis vescicatoria
Capsicum annuum
Carbo animalis
Carbo vegetabilis
Carbolicum acidum
Carboneum sulphuratum
Carcinosinum
Carduus marianus
Castor equi
Castoreum canadense
Caulophyllum thalictroides
Causticum
Ceanothus americanus
Cedron
Cepa
Chamomilla
Chelidonium majus
Chenopodium anthelminticum
Chimaphila umbellata
China officinalis
Chininum arsenicosum
Chininum sulphuricum
Chionanthus
Chloralum hydratum
Chlorum
Cholesterinum
Cicuta virosa
Cimicifuga (Actea racemosa)
Cina
Cinnabaris
Cistus canadensis
Clematis erecta
Cobaltum
Coca
Cocainum hydrochloricum
Cocculus indicus
Coccus cacti
Coffea cruda
Colchicum autumnale
Collinsonia canadensis
Colocynthis
Comocladia dentata
Conium maculatum
Convallaria majalis
Copaiva
Corallium rubrum
Cornus circinata
Crataegus oxyacantha
Crocus sativa
Crotalus horridus
Croton tiglium
Cubeba officinalis
Culex musca(Zanzara)
Cundurango
Cuprum aceticum
Cuprum arsenicosum
Cuprum metallicum
Curare woorari
Cyclamen europaeum
Daphne indica
Dictamnus albus
Digitalis purpurea
Dioscorea villosa
Diphtherinum
Dolichos pruriens
Drosera rotundifolia
Dulcamara
Echinacea angustifolia
Elaps corallinus
Elaterium officinarum
Epiphegus virginiana
Equisetum hyemale
Erigeron canadensis
Eucalyptus globulus
Euonymus europaea
Eupatorium perfoliatum
Eupatorium purpureum
Euphorbia resinifera
Euphrasia officinalis
Eupionum
Fagopyrum esculentum
Ferrum iodatum
Ferrum metallicum
Ferrum phosphoricum
Ferrum picricum
Fluoricum acidum
Formica rufa
Fraxinus americana
Gambogia
Gelsemium sempervirens
Glonoinum
Gnaphalium polycephalum
Gossypium herbaceum
Graphites naturalis
Gratiola officinalis
Grindelia robusta
Guaiacum officinale
Gymnocladus canadensis
Hamamelis macrophylla
Hecla lava
Helleborus niger
Heloderma horridus
Helonias dioica
Hepar sulphuris calcareum
Hydrastis canadensis
Hydrocotyle asiatica
Hydrocyanicum acidum
Hydrophobinum
Hyoscyamus niger
Hyoscyaminum hydrobromatum
Hypericum perforatum
Iberis amara
Ictodes foetida (Pothos foetidus)
Ignatia amara
Indigo tinctoria
Iodoformum
Iodum
Ipecacuanha
Iris versicolor
Jaborandi(Pilocarpus microphyllus)
Jalapa
Jatropha curcas
Justicia adhatoda
Kali arsenicosum
Kali bichromicum
Kali bromatum
Kali carbonicum
Kali chloricum
Kali cyanatum
Kali iodatum
Kali muriaticum
Kali nitricum
Kali phosphoricum
Kali sulphuricum
Kalmia latifolia
Kobaltum
Kreosotum
Lac caninum
Lac defloratum
Lachesis muta
Lachnanthes tinctoria
Lacticum acidum
Lactuca virosa
Lapis albus
Lappa arctium
Lathyrus sativus
Latrodectus mactans
Laurocerasus officinalis
Lecithinum
Ledum palustre
Leptandra virginica
Lilium tigrinum
Lithium carbonicum
Lobelia inflata
Lolium temulentum
Luesinum
Lycopersicum esculentum
Lycopodium clavatum
Lycopus virginicus
Lyssinum
Magnesia carbonica
Magnesia muriatica
Magnesia phosphorica
Magnesia sulphurica
Magnetis polus australis
Malandrinum
Mancinella venenata
Manganum
Medorrhinum
Melilotus officinalis
Menyanthes trifoliata
Mephitis putorius
Mercurius solubilis
Mercurius corrosivus
Mercurius cyanatus
Mercurius dulcis
Mercurius iodatus flavum (Mercurius protoiodatus)
Mercurius iodatus ruber (Mercurius biniodatus)
Mezereum
Millefolium(Achillea millefolium)
Moschus moschiferus
Murex purpurea
Muriaticum acidum
Mygale lasiodora
Myrica cerifera
Naja tripudians
Naphthalinum
Natrum arsenicosum
Natrum carbonicum
Natrum muriaticum
Natrum phosphoricum
Natrum salicylicum
Natrum sulphuricum
Niccolum
Nitricum acidum
Nitromuriaticum acidum
Nux moschata
Nux vomica
Ocimum canum
Oenanthe crocata
Oleander
Oleum animale
Oleum jecoris aselli
Onosmodium virginianum
Opium
Origanum majorana
Osmium metallicum
Oxalicum acidum
Oxytropis lamberti
Paeonia officinalis
Palladium metallicum
Pareira brava
Paris quadrifolia
Passiflora incarnata
Petroleum
Petroselinum sativum
Phellandrium aquaticum
Phosphoricum acidum
Phosphorus
Physostigma venenosum
Phytolacca decandra
Picricum acidum
Pilocarpus microphyllus
Piper methysticum
Plantago major
Platinum metallicum
Plumbum metallicum
Podophyllum
Polygonum hydropiperoides
Pothos foetidus
Prunus spinosa
Psorinum
Ptelea trifoliata
Pulex irritans
Pulsatilla nigricans
Pyrogenium
Radium bromatum
Ranunculus bulbosus
Ranunculus scleratus
Raphanus sativus
Ratanhia peruviana
Rheum palmatum
Rhododendron crysanthum
Rhus toxicodendron
Robinia pseudacacia
Rumex crispus
Ruta graveolens
Sabadilla officinalis
Sabal serrulata
Sabina officinalis
Salicylicum acidum
Salix nigra
Sambucus nigra
Sanguinaria canadensis
Sanicula aqua
Santoninum
Sarsaparilla officinalis
Scoparius genista
Secale cornutum
Selenium
Senecio aureus
Senega officinalis
Sepia officinalis
Silicea
Solidago virga aurea
Spigelia anthelmia
Spongia tosta
Squilla maritima
Stannum metallicum
Stannum iodatum
Staphysagria
Sticta pulmonaria
Stramonium
Strontium carbonicum
Strophanthus hispidus
Strychninum purum
Succinum purum
Sulfonalum
Sulphur
Sulphuricum acidum
Sulphur iodatum
Sumbul moschatus
Symphoricarpus racemosa
Symphytum officinale
Syphilinum (Luesinum)
Tabacum
Taraxacum officinale
Tarentula cubensis
Tarentula hispanica
Tellurium
Terebinthina (Terebinthiniae oleum)
Teucrium marum verum
Thallium metallicum
Theridion curassavicum
Thiosinaminum
Thlaspi bursa pastoris
Thuja occidentalis
Thymolum
Thyroidinum
Tilia europaea
Trifolium pratense
Trillium pendulum
Trombidium muscae domesticae
Tuberculinum
Uranium nitricum
Urtica urens
Ustilago maydis
Vaccininum
Valeriana officinalis
Vanadium metallicum
Variolinum
Veratrum album
Veratrum viride
Verbascum thapsus (Verbascum thapsus hahnemanni)
Vespa crabro
Viburnum opulus
Vinca minor
Viola odorata
Viola tricolor
Vipera communis
Viscum album
Xanthoxylum fraxineum
Zincum arsenicosum
Zincum chromatum
Zincum iodatum
Zincum metallicum
Zincum phosphoricum
Zincum sulphuricum
Zincum valerianicum
Zingiber officinale
Zizia aurea

PICCOLO DIZIONARIO MEDICO
REPERTORIO
ALCUNE NOTE INTRODUTTIVE
ELENCO DELLE ABBREVIAZIONI DEI RIMEDI
INDICE GENERALE


Materia medica e repertorio essenziale dei medicamenti omeopatici  Shankar Phatak   Salus Infirmorum
 
Materia medica e repertorio essenziale dei medicamenti omeopatici

Shankar Phatak



torna suNota Editore Italiano

Da tanti anni desideravo avere la traduzione italiana della Materia Medica e del Repertorio di Phatak, ma non mi ero mai deciso di iniziare questa impresa sia per la lunghezza del lavoro che richiedeva molto impegno, sacrificio e costanza, sia per la difficoltà della traduzione.
Poi, un giorno di circa cinque anni fa, ad un Convegno sul rapporto tra Medicina Convenzionale e Medicine Non Convenzionali, ho conosciuto il Dr. Lucio Marchetto che mi ha comunicato addirittura di aver già quasi ultimata una sua prima bozza di traduzione della Materia Medica di Phatak.
Fu per me un dono provvidenziale! E dire che pensavo che frequentare certi Convegni era una inutile perdita di tempo!
Nonostante quella prima traduzione fosse già in fase avanzata, furono necessari altri tre anni di lavoro da parte di entrambi per limarla e perfezionarla perché, come il Dr. Marchetto mi ha più volte ricordato, “nella Materia Medica di Phatak ogni parola è stata pesata e attentamente studiata”.
Volevamo fare un lavoro molto accurato, perché eravamo coscienti che poi la nostra traduzione italiana sarebbe rimasta inalterata per anni o probabilmente per sempre.
Innumerevoli sono stati i controlli delle fonti sulle Materie Mediche patogenetiche perché in alcuni punti il testo originale si presta a interpretazioni non univoche. Abbiamo fatto qualche piccolo ritocco alla punteggiatura sostituendo qualche punto e virgola con i due punti all’inizio delle frasi dove si riferivano esplicitamente a degli elenchi di aggettivi. In ogni cosa comunque, abbiamo operato salvaguardando l’originalità del testo e, ovviamente, sempre il senso della frase.
Infine, abbiamo aggiornato le abbreviazioni dei rimedi omeopatici con quelle nuove oggi in vigore.
Quando poi il lavoro era quasi ultimato e stavamo per pubblicarlo, abbiamo pensato che, forse, era meglio associare anche la traduzione del Repertorio di Phatak, il famoso ‘A Concise Repertory of Homoeopathic Medicines’ sia perché era stato compilato proprio dai sintomi della sua Materia Medica, sia perché avrebbe potuto dare completezza a quest’ultima diventando un utile e pratico strumento di lavoro davanti al Paziente.
La traduzione di questo Repertorio è stata veramente faticosa, non solo perché abbiamo dovuto farla parola per parola e nemmeno perché poi abbiamo dovuto risistemare tutto l’elenco alfabetico dei vari sintomi repertoriali secondo la lingua italiana e neppure perché abbiamo dovuto rivedere anche qui tutte le abbreviazioni dei nomi dei rimedi per aggiornarli secondo l’attuale nomenclatura internazionale, ma essenzialmente perché traducendo questo Repertorio abbiamo scoperto innumerevoli errori che abbiamo corretto sia sulla base della stessa Materia Medica di Phatak che sulla base della Materia Medica patogenetica (di Allen  e di Hering ) ai quali gli Autori successivi, Phatak compreso, hanno abbondantemente attinto.
Ricordiamo che ogni Repertorio nasce dalla Materia Medica e che proprio per questo è un testo più sintetico e conciso, ma questo Repertorio di Phatak è particolarmente ‘conciso’, come lo stesso Phatak lo ha chiamato. Esso, infatti, raccoglie la crema della sintomatologia e il suo Autore lo ha concepito così proprio perché noi, futuri utilizzatori, imparassimo a selezionare attentamente le rubriche da cercare e poi a trovare indicate da esse solo i rimedi più rilevanti.
In queste traduzioni abbiamo fatto del nostro meglio e oggi che tutto è finito ci rendiamo conto che questi anni di lavoro sono stati molto utili per accrescere le nostre conoscenze, e quindi siamo certi che questi nostri sacrifici (perché tali sono stati) possano servire a far crescere in modo particolare l’Omeopatia Italiana. Non nascondiamo comunque che noi abbiamo avuto anche degli svantaggi: sia il Dr. Marchetto che il sottoscritto hanno registrato un netto calo della propria capacità visiva!
Offriamo tutto questo nostro lavoro ai Colleghi, auspicando che ne facciano buon uso a vantaggio proprio e dei propri Pazienti.

 

Dr. Roberto Gava


Materia medica e repertorio essenziale dei medicamenti omeopatici  Shankar Phatak   Salus Infirmorum
 
Materia medica e repertorio essenziale dei medicamenti omeopatici

Shankar Phatak



torna suPresentazione Traduttore

Sono un Medico di Famiglia che esercita la professione da più di vent’anni e da sette mi occupo di Omeopatia.
Ho frequentato i tre anni della Scuola di Medicina Omeopatica di Verona  ed ora continuo a seguire, presso la stessa sede, il ‘Corso di Formazione Permanente’.
In questi anni di studio, visto che i testi di Omeopatia sono quasi tutti in inglese e che molti Omeopati italiani hanno una certa difficoltà a destreggiarsi fra le sfumature di questa lingua, ho deciso di tradurre la ‘Materia Medica of Homoeopathic Medicines’ del Dr. S. R. Phatak e poi anche il libro ‘The Genius of Homoeopathy’ del Dr. S. Close , professore di Filosofia Omeopatica ed allievo del Dr. P. P. Welles e del Dr. B. Fincke, testo, a mio parere, fondamentale per la conoscenza dell’Omeopatia Hahnemanniana.
Ho scelto la Materia Medica di Phatak perché, mettendola a confronto con le Materie Mediche di J. H. Clarke, di C. Hering e di W. Boericke, mi è sembrata un testo completo che, oltre ad avere quasi tutti i Sintomi Generali e Locali riportati nelle altre Materie Mediche (come specificato dallo stesso Autore), sviluppa in modo particolare e mette in rilievo la parte riguardante i Sintomi Mentali, tanto importanti per il nostro quotidiano lavoro di repertorizzazione omeopatica.
Per la traduzione mi sono servito della ristampa del 1982 della prima edizione inglese, pubblicata dalle Edizioni B. Jain Publishers (P) Ltd. Avevo appena completato la traduzione del libro, quando nel 1999 l’Editore indiano ha deciso di pubblicare la seconda edizione, a dir Suo ‘completamente rivista ed ampliata’. Ma, un’attenta ed accurata analisi di questa nuova edizione mi ha lasciato, in alcuni punti, un po’ perplesso e sconcertato per cui ho deciso di mantenere valida la traduzione della prima edizione.
Dato che, anche sulla spinta delle richieste dell’Editore italiano, desideravo presentare ai Colleghi Omeopati una traduzione assolutamente accurata e fedele al testo originale inglese che rimanesse inalterato quanto il Dr. Phatak desiderava effettivamente dire, credo sia utile spiegare i motivi che mi hanno portato a scegliere di mantenere la traduzione della prima edizione inglese.

MOTIVAZIONI CHE MI HANNO PORTATO A MANTENERE VALIDA LA TRADUZIONE DELLA PRIMA EDIZIONE PUR ESSENDO DISPONIBILE LA SECONDA

Le mie motivazioni possono essere riassunte nei seguenti punti:
1 - Il Dr. Phatak, grande Medico Omeopata ed Umanista, ha speso molti anni di lavoro, di studio, di elaborazione, di consultazioni, di sperimentazioni, ecc. prima di arrivare alla stesura finale di questa Sua Materia Medica.
2 - Il Dr. Phatak, con l’aiuto del figlio, Dr. D. S. Phatak, e di altri Collaboratori, ha rivisto e corretto la Sua Opera fin nei minimi particolari cercando, come afferma egli stesso, di essere il più ‘chiaro, obiettivo e sintetico’ possibile, in modo che il Lettore abbia subito l’immagine del rimedio. Perciò, anche se talvolta nel testo inglese della prima edizione manca qualche ‘soggetto’ o se qualche parola è sott’intesa, la comprensione della frase è ugualmente chiara e non vedo alcuna necessità di introdurre modifiche che potrebbero invece alterare il vero significato.
3 - Mi è incomprensibile il motivo per cui dal capitoletto «Consigli per chi inizia la lettura», che si legge nella seconda edizione indiana, siano state eliminate alcune frasi estremamente importanti, dove il Dr. Phatak dava la chiave di lettura essenziale per non commettere errori di interpretazione nello studio del suo testo. In particolare, è stato completamente tolto il paragrafo che nella prima edizione veniva intitolato ‘Alcuni simboli’. In questo paragrafo si spiega proprio il significato che il Dr. Phatak dava al ‘punto e virgola’ (;) e che, nella seconda edizione indiana, dà adito a vari errori di manipolazione del testo originale. Uno dei tanti esempi lo troviamo nel capitolo su Phosphorus dove, nel paragrafo ‘Generalità’ (a pag. 460 della prima ed a pag. 550 della seconda edizione), troviamo scritto nella prima edizione: «... Phosphorus causes inflammation and degeneration of the mucous membranes; of stomach and bowels». Se non consideriamo il ‘;’ perdiamo il dato che Phosphorus causa ‘infiammazione e degenerazione delle mucose in generale» e teniamo invece solo il dato che «causa una infiammazione e degenerazione delle mucose dello stomaco e dell’intestino» come ha realmente fatto il Curatore indiano della seconda edizione travisando, in questo modo, ciò che intendeva dire il Dr. Phatak!
4 - Certe frasi, che possiamo leggere nella ‘Nota dell’Editore indiano alla seconda edizione’ e che lo stesso Editore ha citato come ‘esempio di errore’, non sono altro che costrutti o circonlocuzioni (e quindi sono tutt’altro che errori!!) che possono solo testimoniare la vasta cultura del Dr. Phatak non solo in campo Medico-Omeopatico ma anche in campo Letterario. Un esempio di ciò è l’errore commesso da chi ha curato la seconda edizione, quando in Natrum sulphuricum, considerando «incompleto, vago e messo nel posto sbagliato» il sintomo ‘Run-arounds. Pipita.’, riportato alla voce ‘Estremità’, con cui il Dr. Phatak intendeva dire ‘Paterecci’ (cioè: sostantivazione, in forma plurale [‘s’ finale] del verbo + avverbio ‘run + around + s’, cioè ‘quelli che girano attorno’, ossia i paterecci), il curatore ha sconvolto la frase, omettendo inoltre arbitrariamente ‘Pipita’ e dando significato di ‘severità del dolore’ invece di ‘paterecci’ al neologismo ‘run-arounds’. Da qui, la frase completa, che nella versione originale dice «Infiammazione attorno alla radice delle unghie. Paterecci. Pipite. Dolore all’articolazione dell’anca < alzandosi o sedendosi», è stata stravolta come segue «Infiammazione attorno alla radice delle unghie. Dolore all’articolazione dell’anca < alzandosi o sedendosi, costringendo il paziente a muoversi continuamente [run-arounds] a causa della sua severità». Quest’ultima frase è stata introdotta dall’Editore indiano alterando il testo di Phatak ed integrandolo con una frase di Clarke male interpretata, perché a pag. 578 del 2° volume del ‘Dizionario’ di Clarke si legge: «22. UPPER LIMBS. ... Shooting pain of ulceration under nails. Panaritium. ... 23. LOWER LIMBS. Sharp pains in the hips …, esp. when rising from a seat. … Stabbing pain in l. hip ... The pain in hip is > in certain position, but compels one to move again after a short time, causing intense suffering …».
5 - Traducendo un testo molto ampio come questo, può capitare di fare degli errori, sia per ignoranza, che per stanchezza, disattenzione o altro. Infatti, anche durante la mia terza rilettura dell’Opera tradotta ho individuato alcune imperfezioni o interpretazioni improprie e sono certo che, se avessi tradotto la seconda edizione indiana (che in molti punti è un tentativo non sempre corretto di interpretazione dell’originale), alle mie imperfezioni o manipolazioni involontarie si sarebbero aggiunte, inevitabilmente, quelle del ‘manipolatore inglese’ (che, comunque e stranamente, l’Editore indiano neppure nomina!).
ALCUNE NOTE
Sempre per cercare di rimanere il più fedele possibile al testo dell’Autore, invece di tradurre in linguaggio moderno i termini un po’ arcaici (come è stato invece fatto nella seconda edizione indiana, travisando talvolta il vero significato del termine considerato ‘obsoleto’) ho ritenuto più corretto farli seguire da un asterisco, che rimanda al ‘Piccolo Dizionario Medico’ che ho inserito alla fine dell’Opera. Ho pensato di mettere l’asterisco anche ai termini ‘troppo specialistici’, visto che alcuni miei amici Veterinari avevano delle difficoltà a comprenderli.
Ho mantenuto la punteggiatura del testo originale, anche se talvolta alcune ‘virgole’ fra soggetto e verbo potrebbero sembrare un errore grammaticale; invece, a mio parere, queste virgole sono state messe lì per sottolineare il fatto che l’Autore intendeva mettere una ‘pausa’ o mettere ‘più in rilievo’ certi soggetti.
Quando parlo di ‘colazione’, intendo il ‘breakfast’, cioè la prima colazione del mattino.
Per evidenziare meglio le ‘Modalità generali’ di ogni rimedio, caratteristica particolarmente importante per la ricerca del simillimum, ho pensato di raggruppare insieme sotto questo nome i fattori che fanno ‘migliorare’ o ‘peggiorare’ il rimedio, mentre Phatak manteneva separati i due paragrafi.

Spero che la traduzione di questo Testo sia utile al Lettore ed auspico vivamente che la disponibilità, nella nostra lingua, di questo Maestro di Omeopatia sia occasione di crescita per tutti coloro che studieranno queste pagine, come lo è stata per me.

 

 

Dr. Lucio Marchetto


Materia medica e repertorio essenziale dei medicamenti omeopatici  Shankar Phatak   Salus Infirmorum
 
Materia medica e repertorio essenziale dei medicamenti omeopatici

Shankar Phatak



torna suPrefazione Autore

PERCHÉ QUESTO LIBRO?

Gli studenti di Omeopatia, che hanno letto diverse Materie Mediche scritte dai vari Autori, devono aver osservato che alcuni sintomi di un particolare rimedio in una Materia Medica sono presenti ed in un’altra no. Il Dr. Boger ha selezionato i sintomi più importanti da varie Materie Mediche e li ha inclusi nel suo ‘Synoptic Key to the Materia Medica’.  Ma, nell’esporre questi sintomi, ha anche usato parole tali per cui gli studenti non riusciranno a capirle completamente, purché non siano capaci di leggere fra le righe il loro significato nascosto. Inoltre, il Dr. Boger ha inserito molti sintomi importanti che ha preso da altri Autori. Voglio farvi qualche esempio per dimostrare il suo modo di vedere.

Il Dr. Boericke ha messo in Causticum ‘Ritenzione urinaria dopo un intervento chirurgico’, mentre il Dr. Boger non ha preso questo sintomo; in Carbo animalis il Dr. Boger ha inserito il sintomo ‘Distensione dell’addome dopo un intervento chirurgico’ [Abdomen, distension, operation, after], sintomo che non è stato messo dagli altri Autori. Il Dr. Kent non ha parlato di questi due sintomi nel suo Repertorio, ma essi mi hanno dato l’opportunità di rimuovere queste due condizioni patologiche con successo. Il Dr. Boger ha citato un sintomo molto curioso di Mercurius corrosivus ‘Sensazione come se respirasse attraverso un tubo metallico’ [Respiration, tube, as through a metal], che non viene riportato dagli altri Autori. Inoltre, ha fatto di questo sintomo un sintomo generale, con il sottotitolo ‘Tubo metallico: Mercurius corrosivus’. L’intenzione è evidente: se una persona viene e dice che, mentre defeca o urina o anche quando parla, sta adempiendo a questa funzione ‘come se il tutto avvenisse attraverso un tubo metallico’, Mercurius corrosivus è utile al caso (ho avuto un’occasione di somministrare questo rimedio ad una persona che ‘parlava come attraverso un tubo’).

Se vengono correttamente compresi, la Materia Medica ed il Repertorio di Boger sono sufficienti per affrontare la maggior parte dei casi. Ma, purtroppo, noi non abbiamo né la sua intelligenza, né il suo acume.

Nel compilare questa Materia Medica, ho preso tutti i sintomi riportati dal Dr. Boger ma ho cercato di semplificare molte delle sue parole ambigue per spiegare ciò che intendesse dire. Inoltre, ho raccolto da altre Materie Mediche molti altri sintomi utili, che non erano stati presi dal Dr. Boger, e li ho inclusi in quest’Opera.

Questa Materia Medica si presenta con il solito schema di base: sotto ‘Generalità’ ho compreso il profilo panoramico del rimedio (che è preso insieme ai distretti su cui agisce e il modo in cui agisce), i disturbi che può curare e le casualità. Seguono le ‘Modalità Generali’ del rimedio ed infine i ‘Sintomi Locali’ con le loro modalità particolari.

Io penso che il Dr. Boger desiderasse compilare un Repertorio conciso ed ordinato in ordine alfabetico, piuttosto che solo per distretti regionali. Inoltre, era auspicabile una Materia Medica concisa, dove fossero raggruppati tutti i sintomi rilevanti che appartengono ad ogni rimedio. Per compilare in un tale modo i suoi libri, egli ha preso lo spunto dal suo ‘Synoptic Key to the Materia Medica’.

Con la mia misera intelligenza e le mie limitate conoscenze di Omeopatia, ho cercato di adempiere alle sue volontà. Quanto io mi sia allontanato dal riuscire nel mio intento solo il tempo lo mostrerà.

RINGRAZIAMENTI

Desidero ringraziare la mia amica Dr.ssa Homai Merchant per aver dattilografato il manoscritto due volte senza mai un segno di disappunto.

Un grazie lo devo anche a mio figlio, Dr. D. S. Phatak, per aver corretto più volte il libro dal primo abbozzo alla stesura finale e per aver collaborato alla stampa insieme alla Mouj Printing Bureau.

I miei ringraziamenti vanno anche al Sig. Datay, che ha seguito la composizione, e al Sig. M. R. Sane, che ha composto il libro con una mano sola.

Chiedo al Lettore di considerare in particolare anche i due capitoletti ‘Consigli per chi inizia la lettura’ e l’ ‘Indice dei Rimedi Chirurgici’.

E, per finire, sono molto grato a Dio di avermi fatto la Grazia, nonostante la mia patologia cardiaca e la mia età avanzata, di vedere il libro completato.

Ho fatto quanto potevo.

Giovani Omeopati capaci dovranno portare ancora più avanti questo lavoro.

Luglio 1977

Dr. S. R. Phatak


Materia medica e repertorio essenziale dei medicamenti omeopatici  Shankar Phatak   Salus Infirmorum
 
Materia medica e repertorio essenziale dei medicamenti omeopatici

Shankar Phatak



torna suConsigli per chi inizia la lettura

La Materia Medica ed il Repertorio sono i pilastri gemelli sui quali si regge il buon esito della pratica dell’Omeopatia. Entrambi sono complementari fra loro e nessuno dei due è completo da solo.
Lo studio della Materia Medica richiede uno sforzo lungo ed estenuante: non esiste una via breve o facile per aver successo.
I rimedi dovrebbero diventare i tuoi amici: identifichi un tuo amico dal modo in cui suona il campanello, bussa o apre la porta, cammina, ecc. In modo simile dovresti essere capace di riconoscere il rimedio, anche se è visibile solo in parte.
I segni per identificare un rimedio si trovano nelle sue ‘Generalità’, nelle sue ‘Modalità generali’ (cioè quando ‘Peggiora’ e ‘Migliora’) e nel suo ‘Mentale’. Una profonda comprensione di questi capitoli ti aiuterà ad identificare il rimedio in relazione al singolo paziente.
Per ottenere ciò, quando leggi un rimedio dovresti andarti a vedere ogni rubrica nel Repertorio.
L’importanza relativa del rimedio è quella di essere ben impressa nella tua mente in considerazione anche del confronto tra questo rimedio e gli altri che appartengono alla stessa rubrica. Questo lavoro sembra noioso, ma il quadro del rimedio lentamente si stamperà in modo indelebile e chiaro nella tua mente.

I SINTOMI
La cosa più difficile in Omeopatia è l’interpretazione dei sintomi. Quando chiedi al paziente di raccontare la sua storia, dovresti essere capace di fissare le sue parole nei termini delle rubriche presenti nel Repertorio. Se hai imparato bene la Materia Medica, sicuramente i rimedi ti torneranno in mente automaticamente. Verificali nel Repertorio. Il rapporto fra causa ed effetto e le modalità sono molto importanti. Un sintomo particolare, che la patologia sottostante non riesce a chiarire, molte volte fa da base ad un rimedio appropriato.
Quando una tazza è mezza piena, è anche mezza vuota. Mentre interpreti i sintomi, cerca di considerare il problema sotto vari aspetti.
Inoltre, quando leggi la Materia Medica, cerca di ricordare gli aspetti singolari del rimedio: ‘Secrezioni non irritanti’ in Pulsatilla nigricans; ‘Non riesce a buttar fuori’ in Zincum metallicum, ‘Grande varietà di sintomi’ in Mercurius solubilis, ecc. Come ho detto, questi sono i segni di identificazione del rimedio.

ALCUNI SIMBOLI
Il simbolo ‘<‘ significa «peggioramento da o dopo», ‘>‘ significa «miglioramento o alleviato da».
Il ‘punto e virgola’ (;) è usato in questo libro in modo particolare: per esempio in Calcarea carbonica, nel paragrafo ‘MENTE’ troverai la frase: «Paura di: malattia, miseria, calamità, pazzia; di essere osservato». Questo significa che: 1) «Teme la malattia, la miseria, le calamità, la pazzia» e 2) «Teme di essere osservato». Altro esempio: in Phosphorus, nel paragrafo ‘GENERALITÀ’ troverai: «Disturbi causati da: arrabbiature, paura, afflizione; preoccupazioni; esposizione a piogge che lo rendono bagnato fradicio; tenere le mani in acqua per lavare i vestiti; tabacco; ecc.» ed anche qui si deve interpretare come ho spiegato prima. Queste semplici combinazioni possono essere utili.
In questo libro ho usato tre caratteri di scrittura per mettere in rilievo il grado di importanza dei vari sintomi. Tuttavia, ogni Paziente è particolare, per cui anche un sintomo di grado basso si può dimostrare il più importante per lui. Perciò non devi essere fuorviato dal ‘grado’ del sintomo!

PER CONCLUDERE
Abbi il dovuto rispetto per quello che dicono i Grandi dell’Omeopatia ma, se la tua esperienza è contraria a quello che affermano queste Autorità, non essere influenzato dalle loro opinioni. Alla fine, la tua esperienza è la migliore Autorità per quanto ti riguarda!

 

Dr. S. R. Phatak


Materia medica e repertorio essenziale dei medicamenti omeopatici  Shankar Phatak   Salus Infirmorum
 
Materia medica e repertorio essenziale dei medicamenti omeopatici

Shankar Phatak



torna suNota Editore Indiano

Questo libro era stato promesso per la fine del 1963. Ci scusiamo per il ritardo.
In quella data, non era stata ancora scritta neanche una riga. L’Autore era riluttante a scriverlo. Ci sono voluti più di tre anni per avere la bozza. Le revisioni e le aggiunte sono state continue. Nel 1970 il libro era pronto per la stampa.
All’Autore andava bene il titolo ‘Repertorio essenziale di Omeopatia’, ma il magazzino dei libri è veramente un problema a Bombay, per cui abbiamo trattato con altri per la pubblicazione.
Le trattative avvennero con due o più committenti diversi, furono lunghe e, alla fine, fallirono.
Decidemmo di pubblicare il libro e così andò alle stampe nell’agosto del 1974 e dopo tre lunghi anni è stato presentato a chi ama l’Omeopatia.
Non dobbiamo rimproverare nessuno tranne noi stessi. Questo non è un modo per giustificarci ma l’esposizione di ciò che è accaduto.
Noi abbiamo pubblicato due libri di Omeopatia scritti dal Dr. S. R. Phatak. Speriamo che la maggior parte dei vostri casi quotidiani possa essere chiarita con l’aiuto di questi due libri. Vi chiediamo di usarli con pazienza, intelligenza e diligenza. Più li userete e più li troverete utili.

 

L’Editore indiano
B. Jain Publishers (P) Ltd.


Materia medica e repertorio essenziale dei medicamenti omeopatici  Shankar Phatak   Salus Infirmorum
 
Materia medica e repertorio essenziale dei medicamenti omeopatici

Shankar Phatak




Scritto da PASQUALE
Valutazione: 

E' un corposo volume diviso in due parti: la prima rappresentata da una materia medica molto completa e contemporaneamente ordinata schematicamente per organi ed apparati mentre la seconda è costituita da un repertorio clinico abbastanza completo





CATEGORIE LIBRI


I clienti che hanno scelto questo prodotto hanno acquistato anche...