L'Esperienza, la Tecnica e La Metodologia di Studio e di Cura Omeopatica delle Malattie Croniche di Alfonso Masi Elizialde

 
  • 13,50 invece di € 27,00 Sconto del 50%
  • Disponibilità Immediata. Pronto per la spedizione



torna suDescrizione

Chi pratica l'Omeopatia da qualche decennio non può non conoscere e apprezzare gli sforzi che Alfonso Masi Elizalde ha fatto per approfondire, migliorare e rivedere in chiave ‘ortodossa' la vera Omeopatia trasmessaci da Hahnemann. Masi, infatti, è conosciuto in tutto il mondo come il maggiore unicista vivente, l'unicista più rigoroso, più affidabile, quello di massima esperienza e quello che meglio di tutti conosce il Pensiero Hahnemanniano.

D'altra parte, però, Masi è famoso anche per aver codificato un'Omeopatia fondata sul tomismo e molti sono rimasti perplessi proprio per i pregiudizi che avevano nei confronti di questo punto, a commento del quale Masi ribatte dicendo che non è colpa sua se la vera Omeopatia Hanemanniana ha proprio queste basi, confermate peraltro da Kent, Allen e Ghatak.

Proprio per tali presupposti, questo è un libro di filosofia omeopatica che non può essere letto superficialmente, ma che deve essere meditato attentamente e poi riesaminato dall'inizio almeno due tre volte. È un libro che impegna l'Omeopata in prima persona obbligandolo a meditare sul senso profondo della vita dell'Uomo e sul senso della malattia, per passare poi a trasferire queste riflessioni sulla sua vita personale e, solo alla fine, sulla vita e sull'esperienza di malattia del suo Paziente. Infatti, se non si conosce approfonditamente la natura dell'Uomo, come si può pretendere di curarlo? Come si può obbedire a quell'imperativo di Hahnemann che raccomandava di scegliere il rimedio solo in base a ciò che deve essere veramente curato nel Malato?

Questo libro presenta in modo organico tutta l'esperienza e la tecnica terapeutica di Masi ed è il primo volume metodologico di una Collana che l'Editore spera di concretizzare nel tempo e che riguarderà poi la traduzione monografica della Materia Medica di circa 200 rimedi che la Scuola Francese di Masi, diretta dalla Dr.ssa Fayeton, ha già in uso.

È sicuramente un'Omeopatia difficile, ma è la vera Omeopatia capace di sradicare la malattia fin dal suo profondo, dal cuore dell'Uomo. È un'Omeopatia che ha fatto innumerevoli ‘miracoli' e la cui potenza continua a stupire anche gli stessi Medici che la praticano.


L'Esperienza, la Tecnica e La Metodologia di Studio e di Cura Omeopatica delle Malattie Croniche di Alfonso Masi Elizialde  Roberto Gava Antonio Abbate  Salus Infirmorum
 
L'Esperienza, la Tecnica e La Metodologia di Studio e di Cura Omeopatica delle Malattie Croniche di Alfonso Masi Elizialde

Roberto Gava, Antonio Abbate



torna suIndice Generale

NOTA DELL'EDITORE
PREFAZIONE DEL DR. ABBATE
RINGRAZIAMENTI
AVVISO AL LETTORE

CAPITOLO 1 - EFFETTI DELLA SPERIMENTAZIONE OMEOPATICA
1 - L'ERRORE DI HAHNEMANN
2 - PATOGENESI E MALATTIA NATURALE COME FENOMENI DI IDIOSINCRASIA
2.1 - Effetti della somministrazione di sostanze ponderali in un soggetto sano
2.2 - Effetti della somministrazione di sostanze dinamizzate in un soggetto sano
2.3 - Effetti della somministrazione di sostanze dinamizzate similari in un soggetto malato
2.4 - Effetti non causati dall'assunzione di sostanze
3 - I SINTOMI PARASSITI DELLA MATERIA MEDICA
3.1 - Diagnosi differenziale tra sintomi primari e secondari
4 - ESEMPIO DI SPERIMENTAZIONE E DI CURA OMEOPATICA
4.1 - Somministrazione di Conium maculatum TM o in bassa dinamizzazione ad un soggetto non-simile sano o Malato
4.2 - Somministrazione di Conium maculatum ad elevata dinamizzazione ad un soggetto similare sano o Malato
4.3 - Somministrazione di Conium maculatum ad elevata dinamizzazione ad un soggetto simillimum sano o ad uno Malato
5 - INTERPRETAZIONE DEI DATI DELLA SPERIMENTAZIONE
5.1 - Fattori che influenzano la diversa suscettibilità di un soggetto ad un medicamento
6 - IMPEGNARSI IN ALTRE SPERIMENTAZIONI PATOGENETICHE?
7 - A COLLOQUIO CON MASI: LE NUOVE SPERIMENTAZIONI CLINICHE

CAPITOLO 2 - METODOLOGIA DI STUDIO DELL'OMEOPATIA CLASSICA
1 - ALCUNI COMUNI ERRORI DEGLI OMEOPATI CONTEMPORANEI
2 - IMPORTANZA DEL SINTOMO
2.1 - Ogni sintomo va interpretato
2.2 - Sintomi con modalità opposte
3 - DIAGNOSI CLINICA
4 - I RIMEDI OMEOPATICI
4.1 - Rimedi complementari
4.2 - Rimedi ad azione antidotante
4.3 - Rimedi aggravanti
5 - ALCUNE CONSIDERAZIONI SULLE DILUIZIONI
6 - STUDIO DELLA MATERIA MEDICA
7 - USO DEL REPERTORIO
8 - DEFINIZIONE DI SIMILLIMUM
8.1 - Diagnosi differenziale tra simillimum e similare
8.2 - Modalità d'azione del simillimum

CAPITOLO 3 - LA DINAMICA DELLA PSORA
1 - MASI E I MIASMI
1.1 - L'atteggiamento mentale e i miasmi
1.2 - La nuova classificazione miasmatica di Masi
2 - PSORA PRIMARIA
2.1 - Quali danni provoca la Psora?
2.2 - Diagnosi clinica di Psora Primaria
2.3 - Due condizioni per la Psora Primaria: la Psora Primaria latente e la Psora Primaria manifesta
A) Psora Primaria latente
B) Psora Primaria manifesta
3 - ISORA SECONDARIA
3.1 - Le due possibilità della Psora Secondaria
4 - PSORA TERZIARIA
4.1 - Egotrofia
A) Egotrofia lieve
B) Egotrofia ben strutturata
C) Egotrofia mascherata
4.2 - Egolisi e Alterlisi
5 - CAMBIAMENTI DI REAZIONE ALL'INTERNO DELLA PSORA TERZIARIA
5.1 - Diagnosi differenziale tra le varie reazioni psoriche terziarie
5.2 - Scelta personale della reazione miasmatica
6 - A COLLOQUIO CON MASI

CAPITOLO 4 - METODOLOGIA DELL'APPROCCIO CLINICO-TERAPEUTICO
1 - TAPPE METODOLOGICHE DELL'APPROCCIO CLINICO-TERAPEUTICO
2 - LA VISITA MEDICA
2.1 - Osservazione del Malato e del suo ambiente di vita
2.2 - Lasciar parlare il Malato
2.3 - Interrogare il Malato
2.4 - A colloquio con Masi: Domande sull'interrogatorio
3 -  INTERPRETAZIONE MIASMATICA DEI SINTOMI
3.1 - Importanza dei sogni: un caso clinico
3.2 - Analisi miasmatica del sogno
3.3 - Scelta e valutazione dei sintomi
4 - COME IMPOSTARE IL TRATTAMENTO
4.1 - Cura di una patologia esogena
5 - TCELTA DEL RIMEDIO
5.1 - Uso dei nosodi
5.2 - Stesso rimedio per patologia acuta e cronica
6 - SCELTA DELLA DINAMIZZAZIONE
7 - AGGRAVAMENTO CAUSATO DAL RIMEDIO
7.1 - Aggravamento dopo somministrazione del simillimum
7.2 - Aggravamento dopo somministrazione del similare
8 -  LA SOPPRESSIONE OMEOPATICA
8.1 - Tecniche terapeutiche egotrofizzanti
9 - ANTIDOTISMO
10 - LA SECONDA PRESCRIZIONE
10.1 - Definizione di ‘seconda prescrizione'
10.2 - L'interesse del problema
10.3 - Quando realizzare la seconda prescrizione
A) Lo stato generale del Paziente
B) Lo stato dei sintomi del Paziente
10.4 - Perché è importante attendere che il rimedio precedente abbia terminato la sua azione
10.5 - Varianti della seconda prescrizione
A) Caso in cui la prima prescrizione era il simillimum e anche la potenza era esatta
B) Caso in cui la prima prescrizione era un simillimum, ma la potenza era troppo bassa
C) Caso in cui la prima prescrizione era un simillimum, ma la potenza era troppo elevata
D) Caso in cui la prima prescrizione era un similare, ma la potenza era corretta
10.6 - Ripetizione della dose
11 - VALUTAZIONE GLOBALE DEL TRATTAMENTO OMEOPATICO: GUARIGIONE O SOPPRESSIONE?
11.1 - Effetti del trattamento omeopatico
A) Guarigioni vere
B) Guarigioni false: la soppressione
C) Insuccessi terapeutici totali
D) Nessuna risposta, nonostante successive prescrizioni
11.2 - Cause comuni di insuccesso terapeutico
11.3 - Perché si prescrive sempre lo stesso esiguo numero di policresti?
A) Motivi dovuti a difetti tecnici del Medico
B) Motivi dovuti a difetti conoscitivi del Medico
11.4 - Quali soluzioni a questi problemi?
A) Integrare la Materia Medica
B) Perfezionare i Repertori
C) Emendare le Materie Mediche
D) Perfezionare i piani di insegnamento
12 - A COLLOQUIO CON MASI: PROBLEMI DI CLINICA AMBULATORIALE

CAPITOLO 5 - LA NATURA DELL'UOMO
1 - HAHNEMANN E LA FILOSOFIA TOMISTA
2 - UNA REALTÀ NASCOSTA: IL NOSTRO PECCATO
3 - IL PECCATO DI LUCIFERO E DI ADAMO
4 - IL PECCATO DELL'UOMO COME ORIGINE DELLA SUA MALATTIA
4.1 - Psora Primaria e peccato originale
4.2 - Il giudizio elaborato a livello del conscio e dell'inconscio
4.3 - Cos'è esattamente la Psora Primaria?
5 - ANALOGIA: LA VIA PER AIUTARE L'UOMO A GUARIRE
5.1 - Il simillimum non può guarire senza la collaborazione della persona
5.2 - La vera similitudine
6 - A COLLOQUIO CON MASI: UNA CRITICA E LA SUA RISPOSTA

CAPITOLO 6 - RIFLESSIONI SUL SIGNIFICATO DELLA MALATTIA E SUL COMPORTAMENTO DEL MEDICO
1 - IL PENSIERO DI HAHNEMANN
2 - IL PENSIERO DI KENT
3 - IL PENSIERO DI GHATAK
4 - IL PENSIERO DI MASI
5 - LA PERSONA UMANA
6 - IL PECCATO
6.1 - Come possiamo rinnovare la nostra natura corrotta nel suo stato attuale?
6.2 - Il simillimum e la vulnerabilità psorica
7 -  RIFLESSIONI SULLA MISSIONE DEL MEDICO

CAPITOLO 7 - ALTRE CONSIDERAZIONI SULLA MALATTIA UMANA
1 - DIFFERENZE TRA STATO DI SALUTE E STATO DI MALATTIA
2 - L'ESSENZA DELLA MALATTIA
3 - LA PATOLOGIA ORGANICA
3.1 - Patologie organiche acute e croniche
4 - PATOLOGIE ‘INCURABILI'
4.1 - La morte naturale
5 - A COLLOQUIO CON MASI: DOMANDE SULLA MALATTIA UMANA E SUGLI EFFETTI TERAPEUTICI DEL SIMILLIMUM

CAPITOLO 8 - STRUTTURA DELL'ANIMA UMANA SECONDO LA FILOSOFIA TOMISTA
1 - FUNZIONI VEGETATIVE DELL'ANIMA
1.1 - Potenza nutritiva
1.2 - Potenza accrescitiva
1.3 - Potenza generativa
2 - FUNZIONI SENSITIVE DELL'ANIMA
2.1 - Potenze conoscitive delle funzioni sensitive
2.2 - Potenze appetitive delle funzioni sensitive
3 - FUNZIONI INTELLETTIVE (O RAZIONALI) DELL'ANIMA
3.1 - Potenze conoscitive delle funzioni intellettive
3.2 - Potenza appetitiva delle funzioni intellettive
4 - RIPERCUSSIONI PRATICHE DELLA CONOSCENZA DELLO SCHEMA ANTROPOLOGICO TOMISTA DELL'ANIMA UMANA

CAPITOLO 9 - METODOLOGIA DI RICERCA OMEOPATICA
1 - CONCETTI INTRODUTTIVI GENERALI
2 - GAPPE METODOLOGICHE DELLA RICERCA OMEOPATICA
2.1 - Raccolta, analisi e lettura del materiale sintomatologico a disposizione
2.2 - Classificazione dei sintomi in temi
2.3 - Utilizzo dei dizionari della lingua e di quello etimologico
2.4 - Raggruppamento dei temi: i leitmotiv
2.5 - Classificazione miasmatica dei sintomi
A) Sintomi della sofferenza o sintomi non reattivi: Psora Primaria e Secondaria
B) Sintomi reattivi egotrofici: Psora Terziaria egotrofica
C) Sintomi reattivi egolitici: Psora Terziaria egolitica
D) Sintomi reattivi alterlitici: Psora Terziaria alterlitica
2.6 - Identificazione dei cinque nuclei
A) Il nucleo della perdita e della sofferenza
B) Il nucleo della nostalgia e del ricordo
C) Il nucleo della giustificazione e della scusa
D) Il nucleo della paura della punizione
2.7 - Analisi della sofferenza
2.8 - Formulazione di un'ipotesi attraverso uno studio metafisico
2.9 - Dedurre gli atteggiamenti miasmatici mancanti
2.10 - Analisi analogica e simbologica
2.11 - Studio trascendente delle proprietà chimico-fisiche della sostanza sperimentata
2.12 - Deduzione delle immagini concrete che mancano nella Materia Medica
3 - CINTESI DELL'ESEMPIO DI STUDIO DI UN RIMEDIO: GELSEMIUM
4 - A COLLOQUIO CON MASI: DOMANDE SULLA METODOLOGIA
4.1 - La formulazione delle ipotesi
4.2 - Lo schema Antropologico Tomista
4.3 - Un'altra difficoltà metodologica: la classificazione miasmatica
4.4 - Esempi di diagnosi differenziale tra alcuni rimedi secondo la metodologia di Masi

CAPITOLO 10 - A PROPOSITO DI GUARIGIONE
1 - A COLLOQUIO CON MASI: SINTOMATOLOGIA COME CAMMINO DI GUARIGIONE?
2 - TUTTO CIÒ CHE È RELIGIOSO NON È SALUTE MENTALE
3 - LA GIOIA È SEMPRE EGOTROFICA?
4 - SALUTE E SANTITÀ
5 - E' LA GUARIGIONE SPIRITUALE?

CAPITOLO 11 - RIFLESSIONI CONCLUSIVE


APPENDICE
ARNICA MONTANA
1 - STUDIO DEL MATERIALE PATOGENETICO
A - Introduzione
B - Osservazioni preliminari
Sintomi non modalizzati
Sintomi imprecisi, vaghi o incompleti
C - Materia Medica di Hahnemann
Mentale
Sogni
Sensazioni ‘Come se'
2  - TEMI
1) Il tema della morte inevitabile
2) Il tema dell'ottundimento del pensiero
3) Il tema della chiarezza mentale e dell'ipersensibilità
4) Il tema dell'inutilità, dell'incapacità e dell'essere buono a nulla
5) Il tema dell'ostacolo, dell'impedimento
6) Il tema della vulnerabilità
7) Il tema del lavoro
8) Il tema dell'orgoglio
9) Il tema degli uomini scorticati
10) Il tema dell'indecisione
11) Il tema dell'aggravamento con il movimento e l'azione
12) Il tema della negazione del suo stato
3  - DIVERSE ATTITUDINI MIASMATICHE
Il tema della vulnerabilità
4  - LA PSORA PRIMARIA E LA DINAMICA MIASMATICA
Il lavoro
La vulnerabilità
L'orgoglio, il rifiuto di apprendere
L'impedimento, la giustificazione
Il senso di colpa
5  - UN CASO CLINICO DI MASI
Commento al caso clinico
6  - ESEMPI DELLA METODOLOGIA PER LO STUDIO DELLA MATERIA MEDICA CON ARNICA
A) I differenti temi
B) Gli insiemi e sottoinsiemi miasmatici
a) Patogenesia
b) La sintomatologia del Repertorio
c) Conclusione
C) La costituzione dei nuclei psorici
a) Nucleo della colpa
b) Nucleo della perdita
c) Nucleo della nostalgia
d) Nucleo della giustificazione
e) Nucleo della paura della punizione
7  - A COLLOQUIO CON MASI: ALCUNE DOMANDE SU ARNICA

BIBLIOGRAFIA PER AUTORE
UNA RACCOMANDAZIONE AL LETTORE
INDICE


L'Esperienza, la Tecnica e La Metodologia di Studio e di Cura Omeopatica delle Malattie Croniche di Alfonso Masi Elizialde  Roberto Gava Antonio Abbate  Salus Infirmorum
 
L'Esperienza, la Tecnica e La Metodologia di Studio e di Cura Omeopatica delle Malattie Croniche di Alfonso Masi Elizialde

Roberto Gava, Antonio Abbate



torna suNota Editore

Mi avevano parlato del Dr. Masi come di un illustre Omeopata e allora, dato che anche in quei tempi sentivo la necessità di avere un Maestro che m'insegnasse l'Arte e la Scienza dell'Omeopatia, decisi di frequentare un suo Corso. La cosa si concretizzò nell'ottobre '91, a Milano, presso il PIME.
Non nego che al termine di quell'esperienza rimasi un po' perplesso: avevo chiaramente compreso che Masi è un Omeopata di grande esperienza ed ero anche cosciente che la sua metodologia risolveva molti miei problemi chiarendo punti oscuri che da molto tempo occupavano la mia mente. Capivo inoltre che l'interpretazione che Masi dava ai paragrafi dell'Organon era estremamente razionale, profonda e veritiera e che le sue piccole critiche ad Hahnemann erano, non solo acute e sagge, ma anche molto costruttive. Tutti questi aspetti positivi, però, erano stati ombreggiati dal forte sospetto che la tecnica proposta fosse molto ardua non solo da capire nella sua profondità, ma anche da attuare nella quotidianità ambulatoriale.
Tornato a Padova, mi feci dare da alcuni amici le fotocopie degli appunti dei Corsi precedenti e trovai nella mia biblioteca una ‘vecchia' pubblicazione edita dalla OMIT nel 1981. Studiai con attenzione tutto questo materiale, ma il mio dubbio non svanì: Masi aveva sicuramente ragione, ma mi pareva che il messaggio che lui dava era troppo poco comprensibile e adottabile da me.
Dal 1991 al 1996 seguii Masi indirettamente, quasi alla lontana; poi mi lasciai convincere dal Dr. Silvio Spinelli a frequentare un Corso che Masi teneva a Desenzano sul Garda. Neppure questa esperienza fu esaltante, ma comunque servì a mantenere vivo il desiderio di riprendere in mano tutto l'approccio omeopatico ‘masiano' per cercare di comprenderne meglio l'essenza.
Il momento propizio giunse all'inizio del 1997 quando, grazie alle insistenze del Collega Dr. Alberto Torresin, nacque una collaborazione con il Gruppo francese capeggiato dalla Dr.ssa Fayeton che da anni collabora strettamente con Masi: l'A.F.A.D.H. (Association Française pour l'Approfondissement de la Doctrine Hahnemannienne).
I Colleghi oltralpe si dimostrarono subito molto disponibili ad aiutarci e addirittura a consegnarci tutto il materiale che riassumeva il loro lavoro di anni.
Lo studio di quelle pagine mi chiarirono ogni dubbio e mi decisero a studiare seriamente e senza indugio l'analisi metodologica messa a punto da Masi. Pensai allora di sistemare tutto il materiale disponibile e di pubblicarlo. Ecco la storia di questo libro che, quindi, non nasce dal sapere di uno degli autori (il sottoscritto), ma dall'aver preso coscienza che l'esperienza e la genialità di Masi sono troppo importanti per non essere meglio diffuse e conosciute. Quindi, dato che manca un testo che le riassumi e le spieghi organicamente, si è pensato di affrontare i sacrifici e il lavoro necessari per concretizzare la cosa mettendola a disposizione dei Colleghi italiani interessati in modo che altri potessero avvicinarsi con meno diffidenza alla Scuola di Pensiero di questo illustre discepolo di Hahnemann. Questo libro, in particolare, è stato desunto dagli appunti presi durante le seguenti lezioni di Masi:
- Milano, maggio 1987
- Firenze, giugno 1987
- Milano, ottobre 1991
- Parigi, novembre 1991
- Milano, maggio 1992
- Lione, maggio 1992
- Parigi, ottobre 1994
- Parigi, maggio 1995
- Parigi, maggio 1996
- Desenzano sul Garda, maggio 1996
- Parigi, maggio 1997
Tutti questi appunti sono stati inoltre integrati dal materiale desunto dalle seguenti pubblicazioni:
- Masi Elizalde A. Lineamenti concettuali di Dottrina, Filosofia e Tecnica Omeopatica. Edizioni OMIT, 1981
- ACTAS dell'Instituto Internacional de Altos Estudios Homeopáticos ‘James Tyler Kent'. Buenos Aires. Fascicoli dal n. 1 del novembre 1984 al n. 8 del maggio 1994
- Musco C. Metodologia Masiana per lo studio della Materia Medica. Ed. Nobile Collegio Omeopatico, 1996
- Masi Elizalde A. Riflessioni Omeopatiche. A cura del Dr. A. Abbate. De Ferrari Editore, Genova. Vol. I, 1990
- Masi Elizalde A. Riflessioni Omeopatiche. A cura del Dr. A. Abbate. De Ferrari Editore, Genova. Vol. II, 1992
Durante le fasi di rilettura e di ‘limatura' di quest'opera, ho mandato una copia delle bozze allo stesso Dr. Masi che, soddisfatto del lavoro eseguito, mi ha gentilmente fatto pervenire alcuni suoi suggerimenti. Il commento di Masi, però, era troppo generico e le correzioni specifiche erano troppo scarse per lasciarmi sufficientemente appagato. Avvertivo una forte spinta a sottoporre il mio scritto a qualche altra persona particolarmente esperta che mi facesse da supervisore e che analizzasse scrupolosamente ogni parola del testo.
Mi ricordai allora del Dr. Antonio Abbate che avevo ‘casualmente' (per me comunque il caso non esiste) conosciuto nell'ottobre '91, a Milano, nell'occasione del mio primo incontro con Masi. Le correzioni del Dr. Abbate furono così sostanziali che fui felice di considerarlo coautore del libro: senza il suo contributo questo lavoro non sarebbe stato così.
Dopo il suo intervento, la mia scrupolosità e il mio desiderio di pubblicare solo libri ‘sicuri' e controllati si sono tranquillizzate e ora sono sicuro che, nonostante la difficoltà della materia e l'atteggiamento di aprioristica apertura interiore che è necessario per assimilarla, il Lettore potrà star certo che quello che è riportato corrisponde alla vera metodologia masiana.
Con questo lavoro, che è durato più di tre anni, il Dr. Abbate ed io crediamo di essere riusciti a schematizzare e semplificare il ‘messaggio' di Masi al punto da poterlo presentare in un linguaggio molto accessibile che però non ha minimamente alterato né la sua importanza, né l'originalità e la veridicità del suo insegnamento.
Abbiamo incontrato molte difficoltà nella stesura dei vari capitoli per non cadere in ripetizioni inutili e spesso siamo stati costretti ad anticipare alcuni concetti che venivano poi affrontati anche in parti successive. Nei paragrafi intitolati A colloquio con Masi, ad esempio, si ripetono alcuni concetti esposti più o meno approfonditamente in una o più parti del medesimo capitolo. La cosa più ovvia sarebbe stata quella di raggruppare meglio le nozioni in modo da ottenere un'unica e più completa trattazione, ma così facendo avremmo dovuto alterare o escludere il dialogo che Masi ha avuto con i suoi Allievi, perdendo così l'originalità e la fedeltà delle sue risposte. Abbiamo quindi optato per l'accettazione di qualche doppione, ricordando l'importanza dell'insegnamento: Repetitio iuvat.
Quindi, il Lettore ci perdonerà se incontrerà qualche ripetizione, ma credo che ne scoprirà l'utilità dato che il primo grande ostacolo che si potrà incontrare nell'approccio al libro o al metodo di Masi non è un ostacolo di comprensione per mancanza di un'adeguata cultura, bensì l'ostacolo formato dall'abbondanza di pregiudizi che occupano la nostra mente e che, come esplicita la parola stessa, ci fanno giudicare prima di essere nella condizione di poterlo fare.
Il pregiudizio più difficile da vincere e oggi sicuramente anche percentualmente più comune è senz'altro quello morale: dato che Masi dimostra che Hahnemann ha fondato l'approccio omeopatico sul Tomismo e quindi sulla Dottrina Cristiana, temo già di sentire la critica di coloro che rifiutano Masi perché rifiutano di accogliere il messaggio di Cristo. In realtà, le cose non stanno in questi termini.
L'Omeopatia è codificata da leggi universali (validi cioè per ogni uomo), perché l'uomo è universale. Infatti, non ci sono differenze sostanziali tra l'uomo occidentale e quello orientale e neppure tra l'uomo d'oggi e quello di ieri e da ciò consegue che non crediamo ci saranno neppure con quello di domani. Inoltre, la metodologia di Masi è di portata universale, perché si basa sull'interpretazione tomista della Scolastica che è un approccio universale all'uomo e questo approccio è universale proprio perché la Parola di Dio è universale. L'universalità della Parola di Dio può essere compresa considerando che oltrepassa ogni interpretazione umana, è sempre valida e, se accolta, ci permette di sondare le caratteristiche profonde della nostra individualità.
Oltre a ciò, la cosa più simpatica e affascinante è che tutto questo trova conferma sperimentale nelle patogenesie dei medicamenti eseguite secondo il metodo hahnemanniano e trova pure ulteriore conferma nella quotidiana pratica clinica.
Io sono solito ripetermi che, se credo veramente che l'Omeopatia sia una Scienza, devo smetterla di prescrivere rimedi omeopatici sperando di incappare più o meno casualmente nel simillimum. Non esiste alcun effetto che non abbia come suo inizio un fattore causale e quindi non esiste un sintomo, fisiologico o patologico, che non abbia una sua giustificazione. Io, come Medico, sento di avere il dovere di approfondire e scoprire le radici del problema del mio Paziente, colpendo la malattia ad un livello così profondo da ritenere che sia il suo primum movens.
Purtroppo, questo lavoro è difficile, perché l'uomo, non solo non discende da una banale scimmia, ma è anche ben di più di una meravigliosa macchina: essendo stato creato a immagine e somiglianza di Dio, l'uomo ha in sé un ‘quid' di infinito, un qualcosa di assolutamente imperscrutabile e di incomprensibile che trascende le nostre capacità intellettive.
In un mio recente libro,  che per i neofiti sarebbe preferibile preporre a questo essendo propedeutico e facilitante la comprensione del medesimo, ho scritto che l'uomo è un mistero a se stesso e che il Medico può avere qualche probabilità di successo indagatore solo se si accosta al suo Paziente con una grande dose di umiltà.
E' per questo che, prima di continuare la lettura, inviterei il Lettore ad associarsi alla mia preghiera a Dio per ottenere per ognuno di noi, per intercessione di San Tommaso, uno Spirito di Umiltà in modo da poter ricevere i consequenziali doni dello Spirito di Conoscenza, di Sapienza e di Carità.
Infatti, l'approccio di Masi, prima di essere usato da noi Medici per la cura dei nostri Pazienti, dovrebbe essere usato per la cura di noi stessi, perché se non guariamo prima la nostra malattia miasmatica come potremo essere nella condizione sufficiente per cogliere il vero squilibrio del Paziente, soppesarlo, interpretarlo e poi correttamente trattarlo? Cioè, se prima non guariamo noi stessi, come possiamo aiutare gli altri a guarire? Un cieco può guidare un altro cieco?
Il Signore, che è Padre, ci aiuti a trovare prima per noi la salute che desideriamo dare agli altri.

Dr. Roberto Gava


L'Esperienza, la Tecnica e La Metodologia di Studio e di Cura Omeopatica delle Malattie Croniche di Alfonso Masi Elizialde  Roberto Gava Antonio Abbate  Salus Infirmorum
 
L'Esperienza, la Tecnica e La Metodologia di Studio e di Cura Omeopatica delle Malattie Croniche di Alfonso Masi Elizialde

Roberto Gava, Antonio Abbate



torna suPrefazione

Comunicare l'esperienza culturale e umana che si acquisisce seguendo i corsi di Omeopatia del prof. Alfonso Masi Elizalde è impresa difficile.
Masi Elizalde è un Omeopata rigoroso e fedele ai princìpi hahnemanniani. Nei suoi Corsi, gli Omeopati studiano la Materia Medica fin nei più piccoli dettagli. I sintomi generali, quelli fisici e mentali, le sensazioni, le illusioni, ecc., tutti insieme contribuiscono a definire il rimedio. Non c'è più distinzione tra grandi e piccoli rimedi; essi hanno pari dignità e la sperimentazione non è intesa solo come una forma ‘d'intossicazione', ma anche come la ‘voce' del rimedio che si fa conoscere tramite lo Sperimentatore.
Tutti i sintomi della patogenesi, grazie a Masi, acquisiscono valore e sono importanti: non c'è dettaglio della sintomatologia che non abbia un preciso significato. Ciascun sintomo costituisce un tassello e l'insieme dei diversi tasselli compone un unico mosaico: la sofferenza psorica del rimedio omeopatico. Così la dinamizzazione omeopatica veicola, sotto forma di energia informativa, il dramma esistenziale del rimedio al Malato, determinando in quest'ultimo una reazione curativa. L'ammalato, in questo modo, vive la stessa problematica del rimedio, ne acquisisce la consapevolezza e guarisce.
L'Omeopatia antipsorica del prof. Alfonso Masi Elizalde è anche uno stimolo per il percorso spirituale dell'omeopata. L'Uomo e la Donna, secondo la visione omeopatica masiana fortemente ancorata a San Tommaso d'Aquino, sono il coronamento della creazione visibile, sono un composto di anima e corpo. L'anima dà forma direttamente alla materia. L'Uomo è costituito da corporeità, facoltà vegetative, sensitive e spirituali. Nello stato di salute, l'Uomo vive consapevolmente e liberamente perseguendo il fine ultimo dell'esistenza. La felicità è la meta, ma l'Uomo non può trovarla in nessun bene terreno. Ciò che fa parte del creato lascia sempre qualcosa da desiderare. La felicità risiede solo nel bene universale, nel progetto che porta l'Uomo verso Dio. E' l'immortalità la sete dell'Uomo. Senza l'immortalità, affermava V. Hugo, per l'Uomo tutta la creazione è solo un immenso “perché”. La somma dei beni terreni che Dio ci ha donato affermano con forza l'esistenza dell'anima.
La missione dell'Omeopata è di curare il Malato. Il Medico rivolge le sue attenzioni ai disturbi fisici e alle ansie del Paziente, ma sa che oltre si cela l'anima sofferente. Il corpo ammalato è l'apparenza che nasconde la vera realtà. La malattia è nell'anima.
Spero che il Lettore possa apprezzare il profondo valore degli scritti di Masi. E' stato un grande impegno per me e per il Dr. Roberto Gava, coautore del volume. Abbiamo elaborato in modo molto minuzioso molti degli appunti delle lezioni del Prof. Masi.
Vorrei ringraziare il Dr. Gava, oltre che per questa esperienza che abbiamo vissuto insieme, anche per il suo coraggioso impegno editoriale. Nonostante sia un periodo molto difficile per le pubblicazioni di Medicina Omeopatica, il Dr. Gava continua con grande costanza la sua opera di pubblicazione, in italiano, dei testi più importanti dell'Omeopatia classica. Vorrei anche esprimergli la solidarietà di tutti gli Omeopati che sono pronti a collaborare al suo nobile progetto.

Dr. Antonio Abbate


L'Esperienza, la Tecnica e La Metodologia di Studio e di Cura Omeopatica delle Malattie Croniche di Alfonso Masi Elizialde  Roberto Gava Antonio Abbate  Salus Infirmorum
 
L'Esperienza, la Tecnica e La Metodologia di Studio e di Cura Omeopatica delle Malattie Croniche di Alfonso Masi Elizialde

Roberto Gava, Antonio Abbate



allegati  Indice del libro     allegati  Scheda libro     allegati  Nota dell'editore - Prefazione    


Scritto da roberto
Valutazione: 

E' un libro non facile da leggere e assimilare, ma che amplia in modo significativo la visione dell'Omeopatia unicista. Acquisto necessario per ogni medico che utilizzi i rimedi omeopatici.. Roberto.





CATEGORIE LIBRI


I clienti che hanno scelto questo prodotto hanno acquistato anche...