La Sindrome Influenzale in Bambini e Adulti

Inefficacia e danni della vaccinazione - Prevenzione e cura con rimedi naturali e omeopatici

 
  • 8,50 invece di € 10,00 Sconto del 15%
  • Disponibilità Immediata. Pronto per la spedizione



torna suDescrizione

La sindrome influenzale è una patologia ormai comune e con la quale siamo abituati a confrontarci quasi ogni inverno.

Proprio per la sua diffusione, per la sua frequenza e per il fatto di avere all'origine dei virus sempre diversi, l'Industria Farmaceutica ha imparato a sfruttare così bene questa malattia che ogni autunno ci inonda di messaggi pubblicitari su vari farmaci e ovviamente anche sull'immancabile vaccino antinfluenzale.

Nel testo, oltre a parlare delle caratteristiche dell'influenza, si parla di indicazioni, controindicazioni evidenze scientifiche e danni della vaccinazione antinfluenzale, ma si parla anche di come attuare un corretto approccio alle malattie infettive in generale e alla sindrome influenzale in particolare.

Alla fine del testo viene poi dato ampio spazio per il trattamento dell'influenza sia dal punto di vista generale sia dal punto di vista omeopatico e una estesa tabella dei più comuni rimedi omeopatici completa l'intero lavoro.


Capitolo 1 - GENERALITÀ SULLA MALATTIA INFLUENZALE
1 - Caratteristiche dei virus influenzali
2 - Epidemiologia della malattia influenzale
3 - Diffusione e sintomatologia della malattia influenzale
4 - Complicanze
5 - Mortalità
6 - Terapia farmacologica

Capitolo 2 - DIFFERENZE TRA MALATTIA INFLUENZALE E SINDROME INFLUENZALE

Capitolo 3 - LA VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE
1 - Indicazioni e controindicazioni
2 - Tipi di vaccini disponibili in Italia
3 - Considerazioni sull’efficacia della vaccinazione antinfluenzale pediatrica
4 - Alcune evidenze scientifiche sulla vaccinazione antinfluenzale
a) La vaccinazione non protegge dai virus non influenzali
b) La vaccinazione non è ben tollerata dai bambini
c) La vaccinazione dei bambini non protegge gli anziani
d) La vaccinazione non controlla la diffusione dell'influenza
e) La vaccinazione non riduce la mortalità negli anziani
f) La vaccinazione non protegge i broncopneumopatici cronici
g) La vaccinazione è efficace solo a livello laboratoristico
h) La vaccinazione non sembra convincere i medici
i) La vaccinazione è pericolosa anche per il suo contenuto in adiuvanti
l) La vaccinazione è scarsamente efficace
5 - Sperimentazione dei vaccini antinfluenzali stagionali
6 - Danni della vaccinazione antinfluenzale
a) Danni locali
b) Danni sistemici
7 - Conflitto di interessi nella campagna pro-vaccinale
8 - Vaccini come terapia preventiva?

Capitolo 4 - PREVENZIONE DELLA SINDROME INFLUENZALE
1 - La prevenzione non farmacologica secondo la letteratura scientifica
2 - Il giusto approccio alle malattie infettive
3 - Prendere coscienza che dobbiamo cambiare
4 - Impostare una corretta igiene di vita
a) Rispetto dei ritmi biologici
b) Respirazione corretta
c) Igiene fisica
d) Sport non agonistici e non pericolosi per la vita
e) Igiene alimentare
5 - Generalità sulla terapia antinfettiva preventiva
6 - Prevenzione medicamentosa della sindrome influenzale
a) Nel bambino
b) Nel ragazzo oltre i 10 anni e nell'adulto

Capitolo 5 - TRATTAMENTO DELLA SINDROME INFLUENZALE
1 - Avvisare sempre il medico curante
2 - Norme igieniche essenziali
3 - Personalizzare ogni intervento terapeutico
4 - Una proposta di intervento omeopatico
Posologia e modalità di somministrazione dei rimedi omeopatici
5 - Principali caratteristiche dei più comuni rimedi omeopatici antinfluenzali

Capitolo 6 - SCELTA DEL RIMEDIO OMEOPATICO
Esempio pratico
Tabella riassuntiva dei più comuni rimedi omeopatici

Allegato - Laboratori della rete nazionale INFLUNET


La Sindrome Influenzale in Bambini e Adulti  Roberto Gava   Salus Infirmorum
 
La Sindrome Influenzale in Bambini e Adulti
Inefficacia e danni della vaccinazione - Prevenzione e cura con rimedi naturali e omeopatici

Roberto Gava



torna suIntroduzione 2° edizione

Sono trascorsi quattro anni dalla prima edizione di questo libro, ma mi accorgo che il comportamento del nostro Ministero della Salute e di molti Medici nei confronti della vaccinazione antinfluenzale non sono cambiati.

Le evidenze scientifiche accumulate su questo vaccino sono chiare: la profilassi vaccinale contro l'influenza non è efficace ed anzi può essere anche pericolosa per non poche persone.

Inoltre, il clamoroso flop della tanto reclamizzata come spaventosa pandemia del virus A/H1N1 e di conseguenza della vaccinazione contro l'influenza “suina” con tutte le disgustose scoperte di bugie, frodi, inganni, speculazioni economiche e raggiri politici sembrano non aver insegnato nulla.

La pressione sui media da parte dell'Industria Farmaceutica non si è ridotta, ma è diventata ancora più incalzante e anche più subdola, perché questa ha in parte modificato la sua politica di marketing praticata senza pudore ‘alla luce del sole' per trasformarsi anche in promozione e finanziamento di sempre nSono trascorsi quattro anni dalla prima edizione di questo libro, ma mi accorgo che il comportamento del nostro Ministero della Salute e di molti Medici nei confronti della vaccinazione antinfluenzale non sono cambiati.

Le evidenze scientifiche accumulate su questo vaccino sono chiare: la profilassi vaccinale contro l'influenza non è efficace ed anzi può essere anche pericolosa per non poche persone.

Inoltre, il clamoroso flop della tanto reclamizzata come spaventosa pandemia del virus A/H1N1 e di conseguenza della vaccinazione contro l'influenza “suina” con tutte le disgustose scoperte di bugie, frodi, inganni, speculazioni economiche e raggiri politici sembrano non aver insegnato nulla.

La pressione sui media da parte dell'Industria Farmaceutica non si è ridotta, ma è diventata ancora più incalzante e anche più subdola, perché questa ha in parte modificato la sua politica di marketing praticata senza pudore ‘alla luce del sole' per trasformarsi anche in promozione e finanziamento di sempre nuove associazioni di genitori o di Medici e sempre nuovi siti internet solo apparentemente indipendenti e autonomi.

L'ufficio Marketing dell'Industria Farmaceutica, poi, continua con più vigore di prima il finanziamento di lavori scientifici progettati ad hoc per dimostrare che il vaccino antinfluenzale è innocuo, efficace e indispensabile per non ammalarsi di influenza e per stare sempre bene.

Questi lavori superano grandemente per numero quelli dei pochi ricercatori coraggiosi veramente indipendenti da questi giochi di potere e di mercato che quindi si perdono in un mare magnum e vengono facilmente dimenticati.

E allora cosa fare?

Credo che il lavoro onesto di coloro che cercano di combattere per il trionfo della verità in Medicina e per il bene di tutti sia quello di continuare a parlare, scrivere, testimoniare, pur con i limiti dei nostri poveri e scarsi mezzi e conoscenze.

Comunque, quello che vorrei che si capisse e si potesse far tesoro dalla lettura di questo libro è essenzialmente questo:

- l'influenza si manifesta quando noi siamo immunologicamente deboli e comunque per il nostro organismo non è negativo ammalarsi (se non si trova in una condizione immunitaria eccessivamente precaria), perché la battaglia contro i germi stimola e rafforza il nostro sistema immunitario proprio quando è debole (meglio ancora, ovviamente, sarebbe averlo sempre forte e quindi non bisognoso di ammalarsi);

- la vaccinazione antinfluenzale è inefficace e potenzialmente pericolosa per tutti, ma in particolare per i bambini piccoli e per gli anziani e cioè proprio per le due categorie che sono maggiormente considerate a rischio e quindi più pressate dal nostro Ministero affinché si vaccinino;

- la vera prevenzione non è quella di proteggerci contro 1-2-5-10 virus o batteri, perché le leggi immutabili della Biologia insegnano che i germi si modificano per adattarsi all'ambiente e quanto più l'ambiente è negativo per loro, tanto più essi sono stressati a modificarsi e a diventare aggressivi e rapidamente patogeni;

- la vera prevenzione è quella di aumentare le nostre difese aspecifiche contro tutti i germi (batteri, virus, funghi, micoplasmi) in modo da essere capaci a convivere con essi senza esserne disturbati, ma godendo invece del loro aiuto (la nostra vita personale e anche quella genericamente di tutti gli animali non sarebbe assolutamente possibile sul nostro pianeta se non ci fossero i germi);

- oggi abbiamo tutte le conoscenze e le possibilità per prevenire, diagnosticare e curare le debolezze immunitarie in modo non farmacologico (i farmaci sono sempre sintomatici, cioè nascondono solo i sintomi), ma per farlo dobbiamo apprendere, diffondere e praticare un modo più corretto di vita, un modus vivendi veramente a dimensione d'uomo;

- tra tutti i trattamenti capaci di potenziare in modo duraturo le difese aspecifiche contro le malattie, e quindi anche contro quelle infettive, il più potente è il trattamento omeopatico hahnemanniano, che però non è largamente utilizzato ed anzi viene aprioristicamente e irrazionalmente criticato.

Per tutte queste considerazioni, alla fine del libro ho dedicato un grande spazio all'Omeopatia e ho cercato di insegnare un metodo semplice per identificare il rimedio omeopatico capace di curare un'eventuale sindrome influenzale o semplicemente una sindrome febbrile.

È palese che ogni patologia, anche se apparentemente lieve, deve avere la supervisione di un medico, sia per formulare una giusta diagnosi che per approvare il trattamento più corretto; comunque ritengo che oggi ci si trovi in una condizione sociale di relativa emergenza sanitaria, perché sembra che la Medicina, da sempre intesa come un insieme di Scienza, Arte e Missione, attualmente venga sempre più sostituita da una Medicina intesa e praticata solo per Guadagno, Potere e Difesa personale.

Oggi, cioè, si corre il rischio di incappare in alcuni medici che praticano quella che viene ormai diffusamente chiamata Medicina Difensiva, una Medicina impostata per proteggere se stessi e non i propri pazienti, perché si tende a non dire o fare quello che è utile per il paziente per non sottoporre se stessi a qualche sacrificio o piccolo rischio (oggi il medico rischia quando non segue le Linee-Guida ufficiali, che non sempre sono per il bene del singolo, ma talvolta rispondono a giochi commerciali dell'Industria Farmaceutica che, come sappiamo, spesso arriva a influenzare pesantemente le politiche sanitarie di un Paese).

In questo contesto sociale, pertanto, credo che la soluzione sia solo quella di rendere le persone sempre più consapevoli di quello che è il comportamento o la via migliore per raggiungere e per mantenere la salute.

La Consapevolezza però scaturisce dalla Conoscenza ed ecco allora che cerco di utilizzare tutti i metodi leciti per trasmettere conoscenza e per insegnare un metodo capace di diffondere, migliorare e promuovere la vita di ognuno.

Dato però che nessun uomo possiede la verità, anch'io ho un bisogno particolare di essere aiutato in questo cammino di crescita personale.

Ringrazio il Lettore per quello che farà.


La Sindrome Influenzale in Bambini e Adulti  Roberto Gava   Salus Infirmorum
 
La Sindrome Influenzale in Bambini e Adulti
Inefficacia e danni della vaccinazione - Prevenzione e cura con rimedi naturali e omeopatici

Roberto Gava



torna suIntroduzione 1° edizione

La sindrome influenzale è una patologia ormai comune e con la quale siamo abituati a fare i conti ogni inverno. Proprio per la sua diffusione, per la sua frequenza invernale e per il fatto di avere all’origine dei virus e/o dei sierotipi virali sempre diversi, l’Industria Farmaceutica ha imparato a sfruttare così bene questa malattia che ogni autunno ci inonda di messaggi pubblicitari su antipiretici, antiinfiammatori, antibiotici, antivirali e ovviamente anche sull’immancabile vaccino antinfluenzale. Tutto lascia supporre che le ragioni di questa campagna di sensibilizzazione dell’opinione pubblica siano essenzialmente commerciali, perché la spesa farmaceutica italiana complessiva per difendersi dall’influenza e/o per curarne le sue manifestazioni cliniche è ogni anno di alcune centinaia di milioni di euro e quindi una cifra discretamente appetibile.
Per la parte che ci riguardare da vicino, però, il problema non è certamente economico, ma molto più importante.
Infatti, come ho scritto in un altro mio libro,  ogni fatto che accade ha una sua precisa causa e significato e la malattia non fa eccezione a questa regola universale. Pertanto, quando ci ammaliamo di influenza o per un qualsiasi altro motivo dovremmo sempre chiederci: “Perché mi sono ammalato?”.
É a tutti evidente che se ci prendiamo un’influenza significa che il nostro sistema immunitario è debole. Infatti, non può essere solo un problema di virus, perché i germi sono sempre attorno a noi e anche in noi. Ognuno quindi deve chiedersi se ben prima del contatto con un virus non abbia fatto qualche errore ponendosi le seguenti domande:
- Mi sono sottoposto a condizioni climatiche sfavorevoli?
- Ho mangiato troppo o troppo poco o troppo male?
- Ho dormito troppo poco?
- Sto fumando troppo oppure ho qualche altro vizio particolarmente nocivo per la salute?
- Sto assumendo farmaci interferenti con il sistema immunitario?
- Mi trovo in una condizione di eccessivo stress acuto o cronico?
- Sono sereno e contento di come mi sto comportando nella mia vita?
É ovvio che ognuno deve guardare la sua realtà e individuare la causa della sua malattia, perché ognuno di noi è diverso dagli altri e quindi deve trovare quella che è la causa vera e la terapia adeguata per lui non solo per guarire quanto prima, ma specialmente per non ricadere nella stessa patologia o in altre patologie che potrebbero diventare via via più gravi.
In questo contesto va quindi detto che i farmaci (tutti i farmaci chimici e quindi anche i vaccini) sono dei ‘sintomatici’ e come tali hanno sempre un danno associato causato sia dalla loro tossicità intrinseca sia dal sopprimere il sintomo, che è pur sempre un linguaggio del nostro corpo e il modo in cui il nostro organismo sta già combattendo contro la malattia. La soppressione del sintomo, infatti, indebolisce la nostra “energia vitale” e talvolta può diventare più dannoso della malattia stessa. Per comprendere ciò basterebbe meditare sul fatto che una influenza curata farmacologicamente lascia quasi sempre una debolezza e una indisposizione (chiamata convalescenza) che è spesso molto lunga e comunque nettamente maggiore di quella che di solito accompagna una terapia naturale (per esempio quella omeopatica) che sia anche associata però alla individuazione e correzione della vera causa della malattia (una causa che non dipende mai solo dal germe).
Ecco allora il vero senso di questo scritto: far riflettere il Lettore sul fatto che la salute è un dono così prezioso che non possiamo delegarlo ad altri, ma dobbiamo agire in prima persona per proteggerlo perché, come sappiamo, ognuno è il primo medico responsabile di se stesso e di questa responsabilità un giorno il Signore ci chiederà conto.

Per offrire alcuni strumenti affinché sia possibile questa riflessione almeno per quanto riguarda l’influenza, cercherò di spiegare in modo sintetico i limiti della vaccinazione antinfluenzale, affinché il Lettore si accorga che non è assolutamente vero che è utile e che non fa male, ma cercherò anche di proporre delle alternative naturali e specialmente omeopatiche.
Desidero comunque ricordare fin d’ora che ogni malattia richiede obbligatoriamente sempre l’intervento di un medico, dato che bisogna essere sicuri della diagnosi e bisogna per ogni persona individuare il percorso terapeutico non solo più efficace per debellare la patologia in oggetto, ma anche più utile per conseguire il maggior bene dell’intera persona del malato.


La Sindrome Influenzale in Bambini e Adulti  Roberto Gava   Salus Infirmorum
 
La Sindrome Influenzale in Bambini e Adulti
Inefficacia e danni della vaccinazione - Prevenzione e cura con rimedi naturali e omeopatici

Roberto Gava






CATEGORIE LIBRI


I clienti che hanno scelto questo prodotto hanno acquistato anche...